24 dicembre 2005

Xmas carol (un po' Spad)

Così, prima di partire, vi lascio il raccontino di Natale.

Qualche giorno fa mi chiama il meccanico.
Siccome non avevo niente in programma, mi chiedo cosa fosse successo.
Ha venduto il mio vecchio scooter, il Grand Dink.
L'ha venduto a una signora, che farà trovare le chiavi al marito sotto l'albero.
Carino, no?

(se poi mi desse anche l'assegno, sarebbe ancora più carino)

Un cadavere perfetto e fresco (un po' Woodenchicks)

C'è una pubblicità di un cosmetico che passa a raffica in questi giorni che parla di un coso Flawless Perfection.
Che a me fa sempre venire in mente la Flawless Victory di Mortal Kombat.

23 dicembre 2005

Altius

Newsletter CIO:

Il braciere olimpico di Torino è stato rivelato oggi, è alto 57 metri e vanta di essere il più alto della storia.
C'è una microfoto sul sito del CIO, e una piccola che sono andato a cercarmi sul sito della Stampa.

Avete altre informazioni?
Se servisse, provate a cercare con Google "Torino 2006", scoprirete che in una città del nord Italia ci saranno le Olimpiadi, tra meno di due mesi.
Incredibile, vero?

Pacco aziendale di natale: Nocino

Pastoso. Ottimo.

Pacco aziendale di natale: Pere al Nebbiolo

Nulla di alcolico, sono dolcissime, non più di una.
Bisogna resistere alla tentazione di bersi il Nebbiolo dal barattolo.

E io canto

Esiste un gruppo che si chiama Numero 6, ma non li ho mai sentiti.
Sono di Genova, e sono una specie di spin-off dei Laghisecchi, mai sentiti neanche loro.
Enver dice che non sono male.
Le mie bellissime lettrici genovesi ne sanno qualcosa? Sentiti live?


(guarda uno che si inventa per rimediare un mp3.)

22 dicembre 2005

Giovanilismi

Che dici? Roma - Milano - Roma in un giorno, è un'ammazzata, però chi l'ha mai visto un concerto in un auditorium?
A dirla tutta, non sapevo neanche che Milano avesse un auditorium, tanto per fare il solito romano.

Andiamo con la Panda? La mia? E te pareva?
Piove su tutto il nord Italia, tanto, è febbraio, domani è il mio compleanno, mi regalo 'sta botta de vita.
Nick Cave suona a Milano, concerto senza Bad Seeds, anche se ha tre musicisti sul palco.
Gli abbiamo lasciato 57 €, non proprio bruscolini.

Dopo un pranzo leggero a Montepulciano ("Hai preso solo l'insalata?" "C'erano du' ova e mezzo dentro a st'insalata."), ci inoltriamo nella pioggia tra le uscite che non so elencare a memoria (cioè quelle dopo Pian del Voglio).

Onde verdi e isoradio e cartelli dicono che l'autostrada la notte sarà chiusa da Parma a Piacenza Sud, e io penso che iella, vengo una volta a Milano e mi chiudono l'autostrada.
In realtà quel tratto viene chiuso non di rado, ma lo saprò dopo.
Per chi non la conoscesse, da Parma a Milano l'A1 è di fatto un rettilineo di duecento chilometri, anche se il clima è un tantino fetente.
Piove soltanto, eppure ci sono autotreni fuoristrada, e poi le buche.
È la prima volta in vita mia che trovo buche in autostrada.
È la prima volta in vita mia che sento Dragostea Tin Dei, non sarò più lo stesso e la Romania non è ancora nell'Unione Europea.

Arriviamo a Milano che è già notte, la zona è Porta Ticinese, strade strette e non si parcheggia neanche morti. Dopo una ricerca riusciamo a piazzarci decentemente dentro una pozzanghera, e partiamo all'assalto.
Diluvia, troppo anche per passeggiare con l'ombrello, ci infiliamo dal kebabbaro, cerchiamo di evitare il dialetto, ma il kebabbaro è extracomunitario e non gliene frega niente.
Resistiamo lì fino all'ingresso in teatro.

L'organizzazione sembra deluxe, ragazze in livrea prendono i soprabiti come per gli U2 a Roma, più o meno.

Un tizio dà un ombrello a una, che solerte risponde di metterlo nel portaombrelli.
"Guardi, costa 250 Euro, non ci penso neanche".
La ragazza concorda che infatti non è il caso.

Nick Cave va visto live a prescindere, l'audio è pazzesco (e te credo), lui come al solito fuma come un turco, reinventa i suoi classici come fa sempre, è un gioco indovinare il pezzo, anche se lo sai a memoria. Solita cover di Johnny Cash, e un'incredibile conclusione con una The Mercy Seat acustica.

Ma il top della serata è una fanciulla che chiede al Nick di non fumare.
La canzone è appena partita, Nick si ferma, urla "What?", e l'occhio di bue punta la sventurata.
Pubblico ride, Nick continua.

Esco felice, tra poche ore è il mio compleanno.

Riprendiamo la superPanda nella pozzanghera, mangeremo qualcosa in autogrill, piove ancora.
Ecco, Piacenza Sud, via dall'autostrada, manco si paga.

Ecco.

"Dobbiamo fare la via Emilia"
"Dove la prendiamo?"
"Bè, l'Emilia passa per tutti i capoluoghi dell'Emilia (appunto), e quindi passerà per il centro di Piacenza, dove ci sarà una piazza con la chiesa e il municipio, basta che cerchiamo il campanile."

Piacenza Boccea.

"Certo che di notte e con la pioggia, ma non potevano mettere un cartello? Che pensano che viviamo tutti qui?"

Piacenza Lambrate.

"Mi sembra una specie di tangenziale, cerchiamo un po', ci sarà un cartello con il bersaglio."

Piacenza Corso Malta.

"Chiediamo?"
"Ma a chi? È l'una di notte, siamo su una tangenziale, piove, e poi qui lavorano, stanno già a dormi'."

Piacenza Porte de Bercy.

"Calmati."
"Calmati de che?? Dovevamo già stare a Bologna, è mezz'ora che giriamo 'sta tangenziale manco fosse e' raccordo, ma posso anna' a racconta' che me so' perso a Piacenza??"

Piacenza Hatfield.

"Senti, ho un'idea, seguiamo i camion."

L'idea funziona, usciamo dalla tangenziale da Piacenza Kurfurstendamm e finalmente appare l'agognata SS 9 Emilia.
È senza dubbio la peggior strada che ho mai percorso, ridefinisce il mio concetto di strada pericolosa.
L'Emilia si vendica degli insulti di poco prima, e fino a Parma sono preceduto da un camion che trasporta maiali, che ridefinice il mio concetto di puzza (in precendenza appartenente a uno spandiletame in quel di Ostiglia).

Sono le tre di notte del 22 febbraio 2004, e io sono a Bologna.
Roma la vedrò cinque ore dopo, a mattina inoltrata.
È il mio compleanno, sto festeggiando con un cappuccino in un autogrill, ho appena visto Nick Cave.

This place (una cosa decente)

Ricomincia a funzionare RomaSMS, i messaggini del comune.
Per cambiare gestore da Vodafone a Wind ci hanno messo tre mesi buoni, ma il servizio è utile.

Quest'anno si va verso il record dei turisti, sono stati quasi sedici milioni.
Fanno due Portogalli. O Quattro Veneti.

Talvolta è troppo per poterla capire.

21 dicembre 2005

Di padre in figlio

#6 padre: "'na bella Roma stasera, pensa ch' ha segnato pure Perotta"

(Perotta è Perrotta, pronunciato co' 'na ere sola, come guera, tera, Gery)

Forza Italia propone Antoniozzi candidato a sindaco di Roma

Ma chi cazzo è?

Con impressionante ritardo

Ringrazio Principe per avermi citato nel suo "Teoremi fondamentali del blogger all’avanguardia", che per giunta era solo il mio decimo post dall'inizio dell'avventura.

(Sgamato anche questo grazie a Blogger Web Comments for Firefox.)

20 dicembre 2005

Vecchio e stanco

Ti accorgi che la tua compilation iPod degli U2 manca di Wake Up Dead Man, da circa sei mesi.

Mi manca Cuore

In un periodo così, un bel "Hanno la faccia come il culo", che ne pensate?

19 dicembre 2005

Un po' meglio di Joan Baez

Starring bloggers, non-bloggers: Tupy, Krapp, Annina, Inve, Gilthas, Cora, Alessio, Ago, Michy, Brù, Annalisa, Marco, Giulia, Gerry, Brain, Clover, Michel, Marco, Elisa, Gaia, Bonus

Driver/blogger senza feed: Matters

Roommates: Lele, BadFire (il cuore è uno zingaro)

Very special thanks: Ricky (il cuore non è uno zingaro)

Vi voglio bene
#6

(In realtà ci sarebbe da dire che parlavamo di quando Krapp se ne andava da Trento e si festeggiava, e si festeggiava perche se ne andava? Se si guarda il navigatore si guarda anche la strada? È una domanda difficile, ma parliamo delle stanze dell'agriturismo che erano carine, sì, ci sono un po' di mandarini, andiamo a cena, non tocchiamo quasi nulla, ho la sensazione che ogni cosa che dico gli altri ridano, c'è da fare la session del venerdì. Non la conoscete? C'è uno che suona, ma inizia le canzoni e non le finisce mai, guarda che è ancora presto, quando siamo usciti dal ristorante? All'una. ALL'UNA???? Secondo qualcuno la musica si smaterializza, Perrotta a centrocampo è una pippa, un po' come gli Afterhours, che però non mi ricordo in che squadra giocano. Ma insomma chi arriva domani? E quando? Dopo un cappuccino autarchico, e non le ho mangiate tutte io le madeleine, ma bensì Michel, qualcuno se ne va, ho un bel nome sul cellulare, e quando le dico cappuccino ride pure lei. Ma non è importante, parlerei del sabato, dunque l'acqua non bolle mai, poi dici che Jerome si sbagliava, però c'è uno che cerca di prendere il sugo, poi arriva gente, e sono le tre, e il tempo fa schifo. Arriva una che è proprio carina, poi un'altra che è proprio carina, allora mi innamoro, ma poi penso che c'è la session del sabato è allora aspetto un po'. Sarebbe anche ora di pagare ma numeri, e allora mi ritrovo all'agriturismo e ancora numeri, e poi c'è Brain che dice che secondo lei ci vuole spirito di comprensione, lei è sempre comprensiva con tutti, ma comunque è un segreto. Come canto bene, ecco questo vale la pena dirlo, perché infatti brevetto la versione di Miss Sarajevo con Lando Fiorini, no, non c'era Lando Fiorini, ero io, ma quasi uguale. Ecco, è giusto dire che qualche volta Stuck è la miglior canzone degli U2, e io l'ho sempre detto, altroché, non è che faccio come quell'altra che vuole il libro dei testi e poi le sa tutte, allora lascialo a me, scusa. Ammazza pure gli Smiths, e i Radiohead e gli Afterhours che allora non giocano a centrocampo perché è sabato e che stanno ancora qui? Ciao ciao è domenica, ho detto bancomat, ma che ne so, ti pare che in autogrill non c'è un bancomat? Ci fermiamo a Montepulciano, senti, io non mi ci fermo più e dove andate che avete una ruota sgonfia? Ma veramente? Sì, rigonfiala, ma non lo sai bene se è gonfia perché l'indicatore è rotto. E allora gonfio a casaccio? I carabinieri che ci hanno fermato prima non l'hanno vista? E poi perché la gomma è un caso nazionale? Ho un bel nome sul cellulare, che strano, ma che hai le chiavi? Io? Mi pare strano, le ho messe sul tavolo dell'agriturismo, ti pare che le ho qui? Le ho qui.)

15 dicembre 2005

Blogger Web Comments (BETA) (2)

Comincio a capire.
Questo arnese trova i blog a seconda delle pagine che si visitano.
Fa questo attraverso la blogsearch di Google (che non conoscevo nemmeno).

Aprendo un newsgroup a caso (it.fan.musica.u2), il blog che mi ha tirato fuori è quello di uno sconosciuto scrittore torinese.

Blogger Web Comments (BETA)

Non ho assolutamente capito come funziona, ma mi piace.

Dar vangelo seconno er Burgma

Come avrete visto, i titoli dei vostri blog sono i nomi dei link.
Se li cambiate spesso, magari non li aggiorno subito, ma lo farò.
Se avete un titolo orrendo, non prendetevela con me.

Ho il sospetto che su alcune piattaforme i permalink e il blog si comportino diversamente in caso di commenti, in particolare Blog-City, ma magari mi sbaglio.

Haloscan è veramente una palla, ma a che serve?

Vi consiglio questo blog: You Ain't No Picasso, un sacco di mp3.

Per favore non bloggate qualunque cazzata dica Ruini, ci sono già Avvenire e l'Osservatore Romano.

Al contrario, parlate delle Olimpiadi di Torino, 'ché non dice un cazzo nessuno, e a me le Olimpiadi piacciono. Tutte.

Splinder con i suoi utente anonimo è veramente una palla.

Chiaramente non mi è sfuggita la ninfetta spogliarellista avida di commenti.
Per farla contenta, ho mandato il suo blog a Fleshbot, magari ottiene quel che cerca.

Auguro al bastardo che ha fregato il T-Max a un mio amico di passare il peggior Natale della sua esistenza. Meglio se al C.T.O. (traumatologia varia) o allo Spallanzani (infettivi).

Molte di voi sono veramente carine.
Se bloggare rende così, pensate sia opportuno consigliare l'attività a qualcuna delle mie amiche cozze?
E se diventassero amiche carine, comincerebbero poi a frequentare locali di Ponte o di Prati, lasciando il sottoscritto solo come un fesso a girare per centri sociali al Mandrione?
Ho capito, meglio di no.

14 dicembre 2005

Ahmadinejad

Due ipotesi: o è sicuro di avere tutti dietro, o non ha più nessuno dietro.
Dubito della prima.

L'amicizia con i russi lo tiene per ora un po' più lontano dai B-52, ma oltreoceano sono pratici di arrosti al fosforo, e il momento giusto di cottura sembra vicino.
Appena Vladimir avrà intinto il ditino e dirà che va bene.

Perché è troppo difficile fare come il Senegal, che fa il Senegal e basta?

Peccato, l'Iran era un vero patrimonio culturale.

Max ieri sera

Mi sembra incredibile che uno come Gazzè a Roma faccia un concerto al Circolo degli Artisti.
Ha successo tra le donne, circa due terzi del pubblico.
Suonano tutti bene, tranne un paio di improvvisazioni simil-jazzistiche che si potevano risparmiare.
Due cover dei Police, Message in a Bottle e Next to You (stranamente, non ha fatto Driven to Tears).
Avevo vicino due tipi che ci provavano con la stessa ragazza, che da soli valevano il biglietto.
Alcune assenze rilevanti, come Colloquium Vitae.
Finale con Una Musica Può Fare, avrei preferito Cara Valentina, comunque suonata prima.

13 dicembre 2005

Le mano avanti

Tra i messaggi precotti del mio telefonino aziendale, ne spicca uno:

Mi dispiace non poterti aiutare.

Bello possibile

Non ho mai capito perché le foto più belle dell'anno debbano essere delle tragedie.
Non che non ci siano belle foto di tragedie, come la famosa bambina vietnamita colpita dal napalm (che poi era un filmato), ma l'arte dei sali d'argento non può prendere a modello solo macerie e facce tristi.
Per dirla tutta, delle foto del Times quella che a me piace di più è la quarta, il giudice Roberts che abbraccia i suoi bambini di fronte al palazzo che forse rappresenta il più potente potere del pianeta.
(Poi c'è la nona con la più grande meraviglia che la natura abbia creato, ma lì è una mia debolezza).

12 dicembre 2005

Carta stampata, a me

Una buona notizia, ho fatto la fila per entrare, non era mai successo.
Ascoltare quelli nel campo dell'editoria che parlano tra di loro non ha prezzo (per le risate).
Ho finalmente comprato La democrazia in America di Tocqueville, ora devo comprare il tempo per leggerlo.
Formidabili le case editrici che stampano solo libri sull'Abruzzo.
Mai visti tanti libri sull'Islam e su Berlusconi (troppi, in entrambi i casi).
Ho preso il quarto libro delle recinzioni di Johnny Palomba, con il formidabile pezzo sui funerali del Papa, autografato (da Palomba, non dal Papa).
Quelli di Scientology mi hanno rotto il cazzo.

Scoperte: Donzelli, Marcos Y Marcos, Fazi.

Delusioni: Newton, che ristampa sempre le stesse cose con veste diversa, Stampa Alternativa, che ha un catalogo statico ormai da anni.

Conferme: Avagliano e Fanucci.

Standista più carina: Sassoscritto.

Standisti più simpatici: Città Aperta, siciliani oltre misura.

Standiste più simpatiche: non mi ricordo lo stand, ma stavano sedute in tre su una sedia e mangiavano patatine.

Altri automatismi (per solutori più che abili)

Giacca indossata -> Confetti nel taschino

11 dicembre 2005

(Ri-)animazione

Con un bel po' di anni di ritardo, mi decido a comprare il DVD dell'Elevation Tour.
In genere non passa molto tempo da quando gli U2 pubblicano qualcosa a quando io la compro, ma una serie di recensioni non proprio lusinghiere e un prezzo inizialmente assurdo (38 €), mi hanno fatto attendere, finché l'ho preso a molto meno.

Il concerto non mi fa impazzire, sembra un MTV award, ma la tradizione americana è quella dei live al chiuso, che secondo me non si addice agli U2.

Tra i bonus del CD ci sono degli spezzoni di altri video, tra cui quello del ZooTV da Sydney.
C'è solo l'inizio, quando Bono entra in maniera scomposta sul palco all'inizio di Zoo Station.
Complice anche l'immagine sfumata del segnale NTSC, si fa un salto indietro di quasi quindici anni.

È il 1991, dopo Rattle and Hum gli U2 spariscono, non c'è Internet, le voci sono quelle delle spesso male informate riviste musicali, e di qualche fanzine.
Si tira in mezzo di tutto, sono vicini allo scioglimento, non sanno cosa scrivere, hanno rifatto tutto già tre o quattro volte.
Le notizie probabilmente vengono fatte girare ad arte, ma è indubbio che, con il senno di poi, da lì uscirono quattro musicisti diversi.

Io ho vent'anni, ho appena finito il militare, compro il CD quasi subito, ho già qualcosa di loro.
I compact disc esistono da quattro anni, io ho il lettore da due (e ce l'ho ancora oggi dopo sedici anni, il mio meraviglioso Aiwa. Per la cronaca, l'Aiwa non produce più componenti hi-fi).
Il primo CD che ho comprato è The Joshua Tree, e questo vuol dire qualcosa.
Con i risparmi di tre settimane vado a Via Ugo Ojetti, in uno dei pochi negozi che conosco. È caro, ma è vicino casa, e io a vent'anni sono lontano da quello che andrà in scooter al Passo della Futa.
Gli do 31000 lire, e il fatto che ricordi negozio, prezzo e faccia del commesso vuol dire qualcosa.

Il gioco continua, e i quattro hanno deciso di uscire con un singolo che spiazza.
The Fly non somiglia a niente che si sia già sentito, e il video, che Videomusic passa a raffica, è scuro, come scuro, se non proprio nero, è il CD che sto per comprare.
Faccio fatica a capire, il mio amico-consulente musicale M mi dice che è un gran pezzo.
Esce il secondo singolo quasi insieme all'album, Mysterious Ways, e già si risente aria di casa, sono convinto.
Il viaggio in Achtung Baby è scandito ancora oggi dalle frasi di chi conosco e mi parla degli U2.
Fino al 1987 è l'estetica punk a prevalere, niente acconciature strane, occhiali strani, vestiti di pelle strani.
Quattro anni dopo è cambiato tutto, non è la stessa band.
Non li ho mai visti dal vivo, ancora due anni e capirò anche questo.

Ripeteremo per anni che questo era necessario, che la politica cantata aveva fatto il suo tempo, che era cambiato il mondo, e loro dovevano cambiare.
Se guidati dai muri che crollavano o da abili consulenti marketing, non lo saprò mai, ma in fondo sono le note a restare, per me possono essere stati tre anni alle Maldive, altro che neve e Trabant.

A parte le innovazioni musicali, che poi a grattare non sono così tante, ma ormai The Fly ci ha schiaffeggiato e noi non capiamo più nulla, sono i testi che lasciano interdetti.
Portato all'iperbole, Achtung Baby non dice niente.
Non c'è più l'Irlanda in guerra, i minatori inglesi, l'Africa.
Non c'è più l'orfano di madre, il giovane che cresce e non capisce il mondo.
Fukuyama chiamerà quel periodo "la fine della storia", quindi cosa c'è da dire?
Non leggo più posizione, perché quel che leggo è nero.
Non è tutto triste, c'è l'inno erotico di Even Better Than The Real Thing, l'ironia di So Cruel, ma per il resto, mentre tutto il mondo vede luce, loro vedono l'ombra.

Il tour lunghissimo che seguirà porterà in immagini le note.
Anche qui, mentre prima c'erano quattro suonatori e un po' di luci, mi trovo davanti l'immenso schermo fatto di schermi, alle torri/tralicci/antenne, ma è ancora giorno, l'ingresso è stato catastrofico, nessuno a dirmi che sarà lo stesso tra dodici anni, e manca una vita all'inizio.

È l'estate '93 e ho tre canne nascoste in un panino con la mortadella.
Quando è notte, gli schermi si accendono a casaccio, la chitarra è fastidiosamente distorta, la batteria singhiozza, è il disordine.

Un uomo barcolla controluce, fa il passo dell'oca ma si impiccia.
Mi illumino strafatto, ho capito le antenne, gli schermi, l'ombra, la cecità, Giuda, le stelle che cadranno, la Legge Suprema, la Candida Rosa, gli ultravioletti, le responsabilità nei sogni, lui è venuto a riportare l'ordine, a salvare il mondo.
Per partire ha scelto la stazione dello zoo, dove Christiane F. faceva pompini per pagarsi l'eroina. Per partire ha scelto la città dove il Duca Bianco per primo chiamò "vergogna" quella dall'altra parte. Per partire ha scelto la città dove la storia è finita.

Il messia canta: "I'm ready for the laughing gas".
Pronto per il gas esilarante?
Ma allora non sei venuto a salvare il mondo.


Il bonus si ferma, il DVD mi ripresenta il menu di scelta.
Non ce la faccio a scegliere ancora.
C'è solo che ho quindici anni di più.

(crosspost con dedica, per quanto parlare di U2 possa esserle utile in momenti come questi)

10 dicembre 2005

Suonano la nostra canzone

Barcone Radio Rock affondato
Forse vi ho parlato der Barcone, il locale dove vado ogni tanto vado a fare quattro salti, ovviamente made in Radio Rock.
È letteralmente una barca, ormeggiata da anni al Lungotevere degli Artigiani, più o meno a Testaccio, infatti si vede il gazometro sullo sfondo.
Ecco, causa Tevere un po' incazzato, è entrata a far parte dei ricordi che non torneranno più.

Gimme gimme gimme a woman after midnight

Stamattina trovavo gli Arcade Fire troppo allegri.
Gli Interpol troppo tristi.
Non finiro come al solito a sentire solo Doors e Pink Floyd.
Nooooooo.

No?

È automatico

Sciopero dei giornalisti -> Tom e Jerry

9 dicembre 2005

Parbleu!

"In quest'ottica i convogli della terza linea della metropolitana romana non avranno macchinisti a bordo ma saranno controllati e guidati da un sistema di automazione integrale; inoltre su tutte le 30 fermate della Linea C saranno installate delle "porte di banchina" (posizionate sul bordo della banchina prima delle rotaie) che saranno sempre chiuse e si apriranno solamente all'arrivo dei treni in contemporanea con l'apertura delle porte dei convogli."

Qualcuno di voi ha mai preso la Meteor a Paris?
(Sarebbe la 14).

Ogre to Slay? Outsource It to Chinese

Va bene, se non avete voglia di leggerlo ve lo riassumo.

In Cina ci sono fabbriche dove si gioca online.
Perché fabbriche? Perché questi giocano a vari giochi (WoW, Ragnarok, ecc.), e acquisiscono poteri, soldi, mana, armi e tutta la chincaglieria dei giochi di ruolo.

A questo punto subentra l'annoiato gamer americano, si accatta il personaggio virtuale fin qui costruito, e si gioca i livelli successivi del gioco, quelli più difficili.

Non guardatemi così, è vero.

(Complimenti al NYT, il titolo è grandioso).

A tempo indeterminato

Ho anch'io il mio posto alla Scuola di Magia e Scooterismo di Harnec.

Mae*, il miracolo!

Da stamattina, la cancellazione dei messaggi più vecchi di 30 giorni su GMail funziona!!!

Rimettetevi insieme

Perché Max Pezzali a ogni video che fa ingrassa dieci chili?

7 dicembre 2005

Reader

Per ora è un po' deludente, lentissimo, e poco intuitivo.
Spero migliori, perché l'idea non è male.

Dovessi votare il blog più bello

Ammirazione sincera (e pure un pochetto pochetto d'invidia, e se avesse i feed sarebbe meglio)

[ Buba ]

Alla faccia

A Castiglione de' Pepoli c'è, sulla piazza principale, una targa.
Questa targa ricorda i morti e i lavoratori della galleria dell'appennino, quella che permise a un treno di andare da Firenze a Bologna di corsa, e non a passo di lumaca facendo la Porrettana.
La galleria è di 18 km, e per essere stata fatta nel 1934, è assolutamente notevole, ma era stata progettata nel 1911, perché certe cose non cambiano mai.

Non so se è uno scherzo del destino leggere una targa simile quando da altre parti si manifesta per non far costruire gallerie.
E chi manifesta si becca qualche legnata, come se la costruzione di una galleria fosse un problema di ordine pubblico, come un derby all'Olimpico.
Almeno non si muore più.

C'è che forse, per citare Leopardi, questo paese è talmente assurdo che va avanti per caso, e non per merito.
Anzi, senza forse.

6 dicembre 2005

Post dell'anno 2005

(Questo è di B2Spirit, il Maître à penser ufficiale di IHMS, ed è da pubblicazione immediata. Di persona ha uno spettacolare accento romagnolo. Mi permetto qualche adattamento per la diversa estetica del blog)

Gunther ll ha scritto:

> NOn capisto che divertimento ci sia a passare una giornata al
> freddo..........
> Andate alla Futa ed io me ne stò al calduccio del caminetto di casa mia!!!!!

"Dove non si può spiegare bisogna incominciare a narrare." (Cit.)

Ove non si possa nemmeno narrare si facciano elenchi.

A) Potrei dire che ti ha già risposto Numero 6.

B) Potrei aggiungere che ti rispose già Mogol (capire tu non puoi, tu chiamale se vuoi…) Siccome Mogol spiegò troppo, (hai mai provato a guidare…) pur avendo il pover’uomo ogni giustificazione, disponendo come spazio di una sola canzone, forse occorre qualche altra frasetta.

C) Credo qualsiasi essere umano purchè alzatosi dalla savana possa condividere che: “Il bello è difficile non è IL difficile”.

D) L’Amatore non è un Professionista e il Turista non è un Viaggiatore. A 10 C° sottozero e il cielo di grigio l’amatore NON va a sciare. Sugli sci io sono un amatore, anzi un turista “principessinA” prediligendo inoltre piste con baita confortevole und bono manciare all’una su terrazzo di legno esposto a sud mit magnifiken panorama. Aggiungo che se sono stanco mi fermo, scendo a valle e vado a farmi una doccia con sonnellino dopo pozione alcoolica bollente. Guarda caso dopo un incidente sono andato a sciare molto meno, cosa che non è avvenuta riguardo i “mezzi a motore”.
Perché? Non lo so ma quasi nessuno è Viaggiatore/Pro in tutto. Non mi sono sognato di andare all’Elefantentreffen perché non me la sento, né di dire che chi ci và è deficiente visto quanto ho rotto i santissimi a chi ci è stato.

E) Vado in sQter d’inverno per vedere gli amici “alla faccia” dell’inverno e/o per vedere posti belli anche d’inverno. E’ così poco?

F) Nessuno ha dato del paccaro a chi non è potuto venire per condizioni climatiche più vicine all’alpinismo che al motorismo.

G) "una vita dove il rischio può prendere qualsiasi forma è molto probabilmente breve ma una vita completamente priva di rischio è sicuramente noiosa" (Cit.)

H) Ho una parente, chiamiamola “Zia Adalgisa” che è da anni quasi totalmente insoddisfatta della sua vita benché continui ad avere svariate incrollabili opinioni (mi verrebbe da dire poiché invece di benché) quindi se ritiene giusta una cosa io mi oriento all’inizio verso il contrario. Il metodo mi ha dato qualche bella soddisfazione.
Ah, in materia la pensi come Zia Adalgisa.

I) Hai dato un occhiata a quanti messaggi ci sono che ricordano la bella (sic!) giornata e il piacere di rivedersi ecc ecc, IHM(S)…Lo fanno per ruffianeria e ingraziarsi alcuni potentissimi demoplutogiudomassonici IHM(S)isti?

J) Passata Firenzuola, salendo per Castro San Martino verso la Futa si si sono levati in volo due enormi rapaci salendo a spirale mentre le nubi li avvolgevano rotolando. La fantasia folgorata dall’illusione sensibile di essere contemporaneamente altrove in un altro tempo. Fallo te, senza chimica.

K) Ho fatto il ritorno col sottocasco in tasca e con la visiera aperta. Butta via.

L) Ho trovato quattro curve belle e asciutte.

M) Ho trovato due belle curve in Raticosa bagnate e le ho fatte lo stesso (benino)…

N) … con staccatella davanti a golfista golfiere ingolfato che aveva appena spiegato a lei “oggi non vado perché è ghiacciato”.

O) Mi sono reso conto che anche condividendo solo 5 minuti con ciascuno - superate oramai le 80 presenze - ogni treffen non può permettere a tutti di incontrare tutti, e lascia con abbastanza insoddisfazione da agganciarsi al successivo; e trovo che sia meraviglioso.

P) C’è sempre qualcuno nuovo o che non vedevi da un po’.

Q) C’è sempre qualcuno che hai visto ieri l’altro.

R) Nessuno mi ha rotto i cogli@ni. Trova tu un gruppo di 90 persone con rompicoglioni zero.

S) Quando passo per i villaggi fra il fumo dei camini, oggetto della curiosità di povere massaie intirizzite dal gelo pur essendo ferme e coperte godo di una effimera sensazione di virile baldanza.

T) Quando passo per i villaggi e sono intirizzito io, mi fermo a scaldarmi ben contento che ci sia un villaggio con una barista oltre alle massaie.

U) Sono caduto in estate…

V) Ogni età ha le sue soddisfazioni. Nell’improbabile ipotesi che io arrivi agli 80 anni, è irragionevole pensare che sarò in grado anche di andare in giro in inverno e voglio lasciarmi qualcosa per allora…

W) Il grande schermo non è il cinema, è la visiera del mio casco. (*)

X) S.E. lo vuole e noi con lui.

Y) Siamo un gruppo di vecchi cogli@ni, giovani inclusi. Lasciaci perdere, non capiremo mai.

Saluti e grazie rese a tutti IHMisti e IHMSisti “da Alfredmann a Zanna”.

(*) lo so che è eccessivo, patàca e sborone ma "quanno ce vò, ce vò" (cit.)

Alessia delle nuove professioni

Mai dire Lunedì ha immortalato alcuni suoi leggendari strafalcioni, come "Ma ti pare che un calciatore si chiama Frutos?"
(Frutos è il capocannoniere del campionato argentino).

Questa è presa da una sua scheda:
"Conduce il notiziario sportivo “Sport time”, “10” (con Vergassola) e svolge le mansioni di bordocampista".

Sì, bordocampista.

5 dicembre 2005

Sorridendo a 64 denti

"With regards to your complaint of spam being generated from the ID lottery43@msn.com to your inbox, I would like to let you know that the intruder's account has been cancelled and terminated."

Ed è solo l'inizio di tutto quello che gli ho augurato.

Welcome to Repubblica

Non vorrei arrivare a fare come Camillo, che giornalmente ne pubblicava le minchiate, ma Repubblica ha colpito ancora.
(Sì, è quella degli ebrei liberali).

2 dicembre 2005

Comunque tettona

Per i Genesis, la differenza tra bello e brutto è la presenza di Peter Gabriel.
Per Lupin III, la differenza tra bello e brutto è la presenza di Fujiko Mine.
Se vi piacciono quelli con Margot, è un vostro problema.

1 dicembre 2005

L'altro

Hanno parlato tutti della sua ex(?) fidanzata, modella di successo.
Ma questo autentico fenomeno lo hanno ignorato tutti, ingiustamente.

Becco un articolo di Repubblica.it intitolato Genio, poesia e perdizione
Pete Doherty, l'ultimo maledetto
.
Ora, qui si ha una certa età, e si è pensato a gente come Jimi Hendrix o Lou Reed.

Qualcuno mi saprebbe spiegare cosa ha fatto costui di così geniale?

Fai il bravo

Non dire più: "finalmente oggi è una bella giornata".

30 novembre 2005

I realized my dreams

Come da anni, ho preso il biglietto sul sito di Trenitalia.
Mi reco alle macchinette, e quando metto il codice di prenotazione si impallano.
Una, due, è il treno per Milano, sto andando a Milano a vedere gli U2, hai capito macchinetta del cazzo?

(Sì, ero in grado di ammazzare chiunque con la divisa delle FS)

La terza macchinetta va.
Quattro ore e mezza senza fumare, poi dite che certe cose si fanno solo per amore.

Ho il sacco a pelo, l'ho comprato all'Auchan da un anno, non l'ho mai usato, non ne ho mai avuto uno.
Roba di qualità, ben 16 Euro.

Scendo dal treno, fumo è ovvio.
Cerco il treno straccione degli altri, non lo trovo, una nota voce toscana mi chiama.
È con altri due.

Arriviamo in metro al mitico piazzale.
C'è un cellulare a caso che cessa di funzionare, gli presto il mio.
Mi ritroverò la rubrica piena di Svetlana, Veronica e roba simile.

Quattro chiacchiere con l'anfitrione, ho una fame assurda.
"Qui intorno non c'è niente."
Eh?

Passeggia passeggia, un posto detto "il Trespolo" risolve il mio problema primario.
Non ho il biglietto per il 20, non mi interessa, ho già il 21 e il 23.

Però...

Magari pure il 20...

"Domani ci vediamo alle 7."
Ma sei scemo?

"Andate, andate, ho già il biglietto del 21, e anche del 23."

Però anche il 20...
Magari mi fanno la scaletta diversa...
Ho due cellulari, ho viaggiato in prima classe, quanto mi potranno chiedere?
Ma no.

"Buonanotte"
Io sono per terra con il sacco a pelo.
Vero rock people, mica in albergo.
Tanto ho due cellulari.

C'è una signora, non mi posso denudare in malo modo.
Mi denudo nel sacco.
Sono già fradicio.

Non posso sudare, sono nel Nord, qui fa freddo.
Fa caldo. L'umidità.

Mi metto sulla schiena.
Mi fa male.

Mi metto su un fianco.
Peggio.

Ci vorrebbe una stuoia, tutti quelli che hanno il sacco a pelo hanno una stuoia, perché non ho una cazzo di stuoia da 5 Euro? Perché si chiama sacco a pelo? Dov'è il pelo, 'sto coso è de plastica, me s'appiccica pure.

Calma, hai dormito in situazioni peggiori.
E poi domani qualche biglietto sarà avanzato.
Ma tanto ho il 21 e il 23.

Sulla panza, è l'unica posizione che sopporto.
Sono fradicio.
La tenda è immobile, nun se move 'na foja.

C'è una zanzara.
Ho le mani nel sacco non le posso tirare fuori.
Brutta zoccola.
Vabbè, pungi succhia e vaffanculo.

Bzzzzzzz.
Si è portata i parenti.
È umido. Zanzare. Fa caldo. Sono appiccicoso.
Mi sto schiacciando i genitali sul pavimento.
Ho due cellulari.

Apro gli occhi. Finalmente ho dormito.
È notte.

Riapro gli occhi.
È notte.

Riapro gli occhi.

Non sto dormendo, è ovvio.
Ma chi me l'ha fatto fare, dai vieni il 20 anche tu, ci divertiamo, pure se non hai il biglietto, ma hai quello del 21 e del 23, dai vieni, dai stronzo con un sacco a pelo da due soldi che fai il coatto e prendi la prima classe, dai che a Milano l'umidità è al 200% e le zanzare vanno in giro in battaglioni e puoi sempre prendere uno a caso dai letti delle persone civili e lanciarlo dalla finestra e dormire come dormono quelli normali su un letto e non dentro a un coso appiccicoso che il pelo manco a vederlo e hai le palle schiacciate per terra e non ti puoi girare e non sai più manco dove cazzo hai poggiato gli occhiali, dai, vieni!

Però magari anche il 20...

I mattinieri se ne vanno.
Il padrone di casa se ne va.
Me la dormo in pace su un letto.
Per circa tre minuti.
Poi, l'officina nel cortile inizia a lavorare.

Ok, mica mi sveglio a quell'ora da pazzi, no vengo con calma, ho già il 21 e il 23, magari se i bagarini non esagerano, però magari anche il 20, ma me la prendo comoda, mangio qualcosa, ci vediamo lì.

Mi faccio la strada a piedi.
Mezzogiorno.

"Il prato?"
"Cento Euro."
"Guarda ciccio, io ho 21 e 23, sono qui per sport (mamma mia la gnocca che c'è in giro), se mi fai un prezzo decente e dico non più di settanta se ne può parlare (però non ho mai visto un concerto con quelli del NG), quindi cento non te li do nenche morto (guarda quella che spettacolo che è)".

"Il prato?"
"Cento Euro."
Aridaje.

"Scusa eri tu che cercavi il prato?"
Ho appena vinto, sorrido come uno che ha i testicoli che stanno riprendendo la forma originale, ma soprattutto come uno che ha già il 21 e il 23.

"Novanta."
"Non ci siamo capiti."

"Ottanta."
"Visto? Per te cambia poco."

"Settantacinque."
"Ancora?"

Biglietto in mano, sono in fila, tranquillo, niente cappellini (roba per fighetti), bottiglie d'acqua (roba per fighetti), ventagli (roba per fighetti).

E il resto, è storia.

28 novembre 2005

Perché non sono cristiano

Per andare a Velletri, in genere faccio la via dei Laghi, un po' più lunga, ma più panoramica e meno incasinata.
Un volta superato l'incrocio del Vivaro, la strada sale e poi riscende tra numerosi curvoni clamorosi.
(Lì si trova il ristorante il Curvone, immortalato in un film di Fantozzi)

Tra queste curve, in una frazione che si chiama o Colle Impepato o Colle Sfascione (hanno nomi così), ce n'è una dove Radio Rock scompare e diventa Radio Maria.

Non è che si sente sfchsffssss e poi arriva un'altra stazione, no.
Di punto in bianco si passa da Marylin Manson a "Tu sei la mia vitaaaaaa...".
Chiamiamo questa curva la Variante Radio Rock.

Ecco perché.

Un po' come le gomme e le candele

palle

E la pagano

Ritorno da Velletri diretto al concerto dei dEUS, fila sulla via Appia (ma no?), Radio Rock.
Sfuma il finale di Lovesong dei Cure.

"Erano i Depeche Mode, da Galore, con Lovesong"

...

(Affinché niente resti impunito, la dj si chiama Ida)

24 novembre 2005

Real seventies (2)

Un po' simile all'11 settembre, mi ricordo cosa stavo facendo.
Dev'essere così, per le tragedie.

Festeggiavamo il compleanno di mio fratello, e a casa c'era un'orda casinara di bambini, che non ci fece sentire nulla.
Nel resto di Roma, molti scesero in strada.

Tutto arrivò la mattina dopo a scuola.

Non c'era Internet, satellite, Al Jazeera, c'era qualche notizia frammentaria da quei quattro gatti che erano arrivati per primi.

Il titolo del Messaggero era impossibile da pensare.

"5000 morti".

Erano stati poco più della metà, realmente, ma un numero di morti in una sola notte mai registrato.

A scuola si cercava di capire cosa volesse dire la scala Mercalli, la Richter ancora non era nota nella penisola.
Ricordo la cartina, per spiegare dov'era l'Irpinia, in tanti non ne avevano idea, che è anche un diritto, a nove anni.

Io già mangiavo libri, e ce n'era uno, rubato a casa di mio nonno, che parlava della fisica dell'Italia.
E l'Irpinia non era una zona sismica, ma una zona talvolta non sismica, da tempo immemorabile, ma queste cose, va a capire, non si imparano mai.

Niente fortunato a restare vivo sotto le macerie per giorni.
Niente telecamere di notte a illuminare l'eroico pompiere che salva.
Niente giornalisti a far domande stronze a chi non aveva più un cazzo.
Niente apparizioni di Padre Pio o madonne di turno.

Tutti morti. In silenzio.
Pensando a ieri, mi sembra che il mondo fosse più silenzioso.

Ciò che non si è mai visto, non si sa affrontare, sì che c'era stato il Friuli, ma era diverso.
A Roma non si sapeva cosa inventare, viene l'idea di requisire i caravan.
E le raccolte di abiti, che a mia madre ricordavano il Polesine.
Perché i container erano di là da venire, e la Protezione Civile non esisteva, venne creata apposta per l'occasione.

Noi avevamo un caravan, ma chissà perché non se lo presero.
Ed è la seconda cosa che ricordo.

Ecco, non ho più dubbi

Quella che sarebbe stata l'unica legge buona di questo governo parte dal 2008.
Nel 2008 sarà posticipata al 2013, e poi posticipata al 2024, e poi addio.
Incredibile come mi facilitano la scelta alle elezioni.

23 novembre 2005

Google Latium (6)

Istituto Guido Carli
La Banca d'Italia di via Tuscolana, detta anche FCV (Fabbricazione Carte Valori).
Gli € che usate vengono stampati lì, e trasportati su quei camioncini arancioni che vedete in basso a destra. Dietro, la storica via del Mandrione, di cui ho già parlato.

(questa è la volta buona che mi arrestano)

Google Latium (5)

Aeroporto di Centocelle
La pista dell'aeroporto di Centocelle, oggi non più utilizzato.
È stata la prima pista di volo d'Italia, costruita da un gruppo di appassionati dopo la visita di Wilbur Wright nel 1908.
Sulla destra, lungo la Togliatti, si vedono 'i sfasci, cioè gli sfasciacarrozze.
Si trovano quasi tutti lì, e il sabato mattina c'è un traffico pazzesco di auto e moto che cercano pezzi vari.
Non ho mai capito come fanno a dirti se ce l'hanno o meno.

ArrayList

La lista dei blog sulla destra presuppone che si sia vista la faccia del blogger.
Nel caso questo non sia avvenuto "live", è sufficiente una foto che attesti che è "bella così com'è".

Real seventies (1)

Un must assoluto, le previsioni del tempo.
Niente a che fare con l'ipertecnologia satellitare di oggi, sembravano più che altro la lettura del segnale orario o del bollettino dei naviganti.

L'esotismo era tutto nella penisola, Bologna Borgo Panigale, Palermo Punta Raisi, Cagliari Elmas, i miei preferiti. Un po' meno Torino Caselle, Bari Palese, sembravano troppo semplici.

Già capivo allora di vivere in una città speciale, perché noi avevamo due temperature, Roma Urbe e Roma Fiumicino, e credo di aver chiesto a mio padre qualche migliaio di volte qual era quella buona: "Devi senti' Urbe, Fiumicino 'n c'entra gnente.".

Mia nonna le imparava a memoria, tutti i giorni, a qualunque ora sapeva dire "stanotte ha fatto 2" (esprimendosi nel suo intrascrivibile romano-veronese).

Ma niente di tutto questo può paragonarsi a lei, l'immortale, l'immutabile, indicata sulla tabellina dal segno "=".

"Beirut: non pervenuta"

Troppo difficile allora capire che lì, quello di sapere la temperatura, era l'ultimo dei problemi.

Talvolta penso che questo:


dovrebbe essere applicato su ogni automobile.

22 novembre 2005

194

Avevo scritto già qualcosa tempo fa, e ho riletto qualcosa di recente.
Ma se un ministro dell'attuale maggioranza si imbarca in una battaglia del genere, è per disperazione? Perché sa che sono le ultime cartucce che può sparare? Crede che la maggioranza degli italiani voglia tornare indietro?
Incomprensibile.

21 novembre 2005

Liverpool

Adoro i Ladytron.
Potrei anche sposare una delle due cantanti a caso, o entrambe.

Troppi aggettivi

Esiste la donna perfetta?
Quella bella, simpatica, intelligente, ecc. ecc. (aggiungere a piacimento).

Sì. E io la conosco.
E oggi è il suo compleanno.

Auguri!

(sì, le ho già telefonato)

Una settimana in analisi (2)

Inizio report

Il 77,95% dei visitatori di questo blog, dopo aver visto l'home page, se ne va schifato.

Fine report

20 novembre 2005

Mettiti la maglia di lana

Leggere sulle precauzioni di impiego dell'antibiotico che sto prendendo "Poiché sono stati descritti con l'uso del prodotto casi talora anche mortali di sindrome di Stevens-Johnson", mi qualifica di diritto nei praticanti di sport estremi.
Venitemi a dire mammone, adesso, tze!

Essere l'unico a ordinare il secondo mentre gli altri chiacchierano, non ha prezzo

Grandine all'Olimpico.
Uno tutto rosso.
"L'aria di Torino".
Due begli occhi.

Due greci. Di Tufo (come de coccio, de marmo, questi so' de tufo).

Il primo pieno è venuto 11,86 €, pensavo peggio.

(Quando ho acceso ho sperato di essere in tempo per la chiusura delle tangenziale (ore 23). Era l'una e un quarto. Ero della tipica allegria tempo-dilatante.)

19 novembre 2005

I'm Bad

Scaricato mp3 della cosiddetta "Numero 7".
Non mi piace il modo lamentoso con cui di recente Bono affronta gli acuti della canzone.
All'inizio della seconda strofa comincio a cantargli dietro e non la sento più.
Non riesco a liberarmene.
Non voglio liberarmene.

18 novembre 2005

Una settimana in analisi (1)

Dopo una settimana di uso di Google Analytics, utilmente segnalato da Mae*, posso pubblicare i primi risultati.

Inizio report

Un terzo delle visite del mio blog viene da Lele.

Fine report

Oggi cinema, va'!

Quasi irriconoscibile Joaquin Phoenix nella parte di Johnny Cash giovane.
Quasi irriconoscibile Reese Witherspoon che sembra addirittura carina.

Ve la rubo

Rottentomatoes, uno dei pochissimi siti di critica cinematografica di cui mi fido, ammolla a Harry Potter and the Goblet of Fire un potente 88%, ai livelli della trilogia di Lord of the Rings.
(Si precisa che qui non si è letto alcun libro e visto alcun film del parioletto).

Io non ce la faccio più

La mia assicurazione è definitivamente un'agenzia di modelle.
Non si fa così.

17 novembre 2005

Altro che Trinidad

Probabilmente sconfitto.
Meritatamente.
Vaffanculo.

Gallerie, non push-up

Chi non è della zona non lo sa, ma la Valle Susa è un posto bruttissimo.
Pensate che già possiede una ferrovia totalmente fuori terra (cioè visibile), brutta e di fatto lentissima e inutile. E per di più è stata sventrata qualche anno fa da una terribile autostrada (carissima come pedaggio), che stanno raddoppiando perché messa com’è ora è inservibile. Autostrada quasi interamente costruita a cielo aperto, con poche gallerie.

Insomma, la Valle Susa - so che qualche valsusino si incazzerà, ma la verità va detta - rispetto ad un’idea bucolica di valle montana è brutta, inquinata, deturpata dall’edilizia industriale (in basso è tutta un capannone, possiede grandi fabbriche dell’industria pesante, brutte città di carattere industriale, per le quali è stata oggetto di immigrazione di massa dal Sud in passato - tanto che in certi paesi tipo Sant’Ambrogio si parla più calabrese che valsusino - ecc.) e percorsa da 4 corsie di autostrada.

Su questa autostrada e su una terribile statale (vanno entrambe fino in Francia) transita gran parte del traffico commerciale pesante (e leggero) diretto verso Ovest. Insomma, se vuoi andare in Francia in macchina o col tuo TIR passi per Susa, non ci sono alternative a meno che non vuoi passare per Ventimiglia, ma ti allontani tantissimo dalla direttrice Lione-Parigi-Mondo.


Nei commenti anche utili e obiettive smentite, e se la prima volta che sento parlare sensatamente della faccenda TAV in Val di Susa è su un blog, vuol dire che qualcosa non quadra.

Sul carro del vincitore

"Microsoft is concerned that this new report of a vulnerability in Windows 2000 Service Pack 4 and Windows XP Service Pack 1 was not disclosed responsibly, potentially putting computer users at risk. We continue to encourage responsible disclosure of vulnerabilities. We believe the commonly accepted practice of reporting vulnerabilities directly to a vendor serves everyone's best interests."

Qui si condivide.
Un informatico dotato di cervello, trovando un problema di sicurezza, si occupa di far sì che non faccia danni.
Se nel caso del rootkit Sony è stato giusto sbattere il mostro in prima pagina, perché Sony stessa era il mostro, lo è allo stesso modo aiutare chi non è un esperto ad avere un PC usabile.
Si segnala il problema al produttore, che in genere lo segna univocamente e pubblicamente.
Se poi il produttore se ne infischia, ne risponderà in sede di risarcimento (USA, in Italia ovviamente no).
Mettere in giro il codice per indebolire la sicurezza di un sistema, è da bambini deficienti.

13 novembre 2005

Triste discesa nella realtà

È un peccato che il servizio di RaiNews24 sull'uso del fosforo a Falluja sia stato preso come oro colato, malgrado in giro per il web ci siano svariate e ben articolate correzioni.
E il fatto che sia stato sparato in home da Repubblica non depone a suo favore.

La sospensione del senso critico per ragioni ideologiche rende solo uguali al più imbecille degli integralisti.
Combriccola dalla quale, finché campo, voglio tenermi il più lontano possibile.

Porca puttana

Ora ci tocca fare il partitone a Manama.

11 novembre 2005

Febbre a 87'

31 dicembre 1988, si gioca alle 14:30, così le partita finisce di giorno. Altri tempi.

È l'ultimo anno dell'Olimpico come lo ricordo, con le panche di cemento verde e le reti delle porte nere, l'anno prossimo si giocherà al Flaminio, per i lavori di Italia 90. Lavori che lasceranno l'Olimpico ciò che è sempre stato, il peggior stadio dove vedere una partita di calcio.

Quell'anno il campionato è spettacolare.

C'è il Napoli di Maradona, il cui astro è talmente sfolgorante da oscurare del tutto dei veri campioni, come il giovanissimo Ferrara, e che vincerà l'anno successivo.

C'è il Milan di Sacchi e degli olandesi, campione in carica, spettacolare in Europa, che vincerà la Coppa dei Campioni in una finale-passeggiata con la Steaua per 4-0, e che in semifinale infliggerà una storica umiliazione al Real Madrid, asfaltato al Meazza per 5-0.

C'è l'Inter, che ha comprato due tedeschi con il dente avvelenato che negli ultimi tre anni hanno perso due finali, tra cui l'incredibile Coppa dei Campioni '87 contro il Porto.

C'è la Sampdoria di Vialli e Mancini, che vincerà il campionato due anni dopo, e quell'anno si aggiudicherà la Coppa Italia, in una finale passata alla storia per essersi trasformata in una delle peggiori risse della storia del calcio italiano.

Malgrado le premesse, alla fine la spunterà una spaventosa Inter con 58 punti, record, miglior attacco, miglior difesa e capocannoniere (Serena), cui solo il Napoli cercherà di tenere testa, ma i nerazzurri saranno campioni con quattro turni d'anticipo.

La Roma vale poco, malgrado il nazionale Giannini e una buona punta tedesca, Rudi Völler, che dopo pochi mesi comincerà a parlare in italiano con un poderoso accento capitolino, diventando l'idolo della Curva Sud.
Quell'anno i romanisti dovranno anche sopportare l'eliminazione dalla UEFA in uno spareggio con la Fiorentina, che viene deciso da un gol di Pruzzo, eroe giallorosso per tre volte capocannoniere, e ceduto ai viola l'anno precedente.

La giornata è bella, stranamente ci sono pochi tifosi del Napoli, in genere numerosi.
Non ci sono molte emozioni, nel primo tempo supremazia territoriale della Roma, e un tiraccio di Careca poco sopra la traversa.
Nel secondo tempo la musica non cambia, il Napoli comincia a pensare che un pareggio ci può stare (non c'erano i tre punti), e la Roma, per dirla alla Gialappa, pastura calcio, ma di tirare non se ne parla.
Il traffico all'uscita dallo stadio è tremendo, e molti, vedendo l'andazzo, decidono di andarsene prima.
Sembra che la voglia di fare la doccia prevalga, quando a tre minuti dalla fine un improbabile Tempestilli (detto "Er Cicoria"), scende sulla destra, e ignorato dai difensori del Napoli lancia in area.
È difficile da spiegare se non vi piace il calcio, ma da come stacca i piedi da terra Völler (detto "Er Tedesco") so già che la palla è dentro.
La rete (nera) si gonfia. Qualcuno nei tunnel sente il boato e torna indietro.
La Tribuna Tevere Centrale non è pariolina come la Monte Mario, ma non è neanche la Curva Sud; l'esultanza è un pochino borghese, tranne che per due invasati sbraitanti con la lingua e gli occhi di fuori, io e mio padre.

Il traffico come al solito è tremendo, e si arriverà a casa che è già notte, ma senza farci caso; il triplice fischio di una vittoria è una specie di anestesia totale.
Dovreste provare.

8 novembre 2005

Blog quiz (dedicated to the man who digs)

Scena, sono in auto con il pilota.
Sottofondo, Staring at the Sun (U2) che attacca.

#6: "Non che Staring at the Sun mi faccia impazzire..."
Pilota: "Bene, puoi anche scendere"

Chi era il pilota?

Blog request

Dovrei rimediare il Libro dei Mutamenti, o i Ching se preferite.
Ne ho viste un po' di edizioni, qualcuno sa qual è una veramente buona?

Indizi

È blu.

7 novembre 2005

Segarole* moderne

È che vederle a Via del Corso mi fa tornare indietro di vent'anni.

Cosa non è cambiato:
L'indugiare senza sapere cosa fare (perché anche oggi il portafogli di una sedicenne non è adeguato al centro).
I sorrisi a sessataquattro denti di un adolescente che ha fatto una cosa da non fare (e poche cose sono belle come una ragazza che sorride).

Cosa è cambiato:
Multirazzialità (c'era una filippina).
Cellulare (esclusivamente modelli che costano come il mio scooter).
Mutande al vento (tranne una sovversiva, probabile lettrice del blog di Luttazzi, che aveva una minigonna).

*ragazze che marinano la scuola

Vorrei discuterne con l'elfo

La recente The Ultimate Collection degli Eurythmics differisce dalla precedente Greatest Hits del 1991 (che ho) per l'assenza di Don't Ask Me Why.
Sarebbe come fare una raccolta degli U2 senza Streets.
Ne convieni?

Anni', qui

Tè e Teiere - Via del Pellegrino
Il Giardino del Tè - Via del Boschetto

(Qui siamo anche ammanicati con Whittard of Chelsea, servisse qualcosa oltremanica).

Femminile

La copertina del nuovo album degli Arab Strap è stupenda.

(Fio, te che hai un sacco di tempo, li conosci? Se no per la prima volta rischio di comprare un disco solo per la copertina.)

2 novembre 2005

Della superiorità morale dello scooterista

euro2004
Presa in pausa pranzo.
Se volete ve la spiego.

Domani l'Iran attacca Israele

Cosa si fa?

Leksvik takes shape

Così, con casa completamente vuota, posso inziare il montaggio del mio secondo CD-repository.
Avendo serie difficoltà a mettere insieme più di tre pezzi di qualunque cosa, decido che ho bisogno di un adeguata colonna sonora.
L'ardua scelta alla fine cade su London Calling, volume a palla, e via con gli attrezzi.
Arrivato a Brand New Cadillac, avvito a tempo di musica.
A Spanish Bombs, mi alzo e comincio a zompettare per la stanza.
A Clampdown, mi rialzo a rizompettare.
A Train in Vain, non ho ancora messo i chiodini.
Comunque i chiodini fanno schifo, si piegano e hanno la capoccia piccola.

Quindi, o donne (compagne/mogli/fidanzate)
1) Fuori dalle scatole quando si lavora
2) Mettete un CD decente
(se proprio non sapete scegliere, #6 lo farà per voi, fino al terzo CD la consulenza è gratuita).

1 novembre 2005

For the first time, I feel Billy

Ultimo dei recidivi, faccio il mio ingresso all'Ikea Bufalotta per la prima volta (si chiamerebbe Ikea Porta di Roma, ma gli svedesi non conoscono i romani).

Sarebbe festivo, ma non si trova un posto, e il fatto che per metà sia ancora un cantiere non aiuta.

Cerco di entrare come quello che non sa cosa aspettarsi, che è capitato lì per caso.
Tutto sommato è divertente, e i contrasti vistosi tra il modo di fare italiano e quello scandinavo fanno sorridere.
Dovrebbero scrivere con la matitina (che nessuno restituisce) quello che vogliono, e tutti scrivono il nome impronunciabile del mobile, non quello dello scaffale, e poi tutti al PC del magazzino per capire dove cavolo sta.

C'è un quantitativo di roba impressionante, io sono lì per delle lampadine e un porta-CD (il secondo), di nome Leksvik, progettato da Carina Bengs, che però tanto carina non è.

Mi aggiro con carrello e madre tra oggetti inutili (la libreria Alve, a cosa serve il cassetto in una libreria?), geniali (il lettino multidimensionale), inquietanti (la statuetta Gestalta), perfetti (il portascopino Viren, meno di un Euro per un arnese per raschiare il cesso, che è il suo prezzo).

Mi accorgo che il mio stile di acquisto, cioè sapere già cosa vado a comprare, qui non sarebbe adatto.
Sono convinto tre o quattro volte di essere già passato da quelle parti, ma mi sbaglio, è sempre una sala nuova, l'oceano di mercanzia è sterminato, la sensazione che senza il macinaspezie Fossa non si possa vivere fa capolino. Anche il pelagrumi Strila è probabilmente necessario.

Io mi sono segnato lo scaffale, e punto dritto per il mio porta-CD, una sleppa di due metri che non so dove infilare.
Ovviamente, nella Panda ci va, ma quella neanche all'Ikea ce l'hanno più.

Non siamo mica gli americani

Il phishing continua, e Poste Italiane non ha ancora un indirizzo email dedicato alle segnalazioni.

Doom

Forse con il plasma gun avrebbe fatto meno confusione.

31 ottobre 2005

È importante

Ho imparato a usare il Nokia Sound Converter.
Ho messo New Year's Day come suoneria.
Si sente orrendamente.

Insulti

Per consolarmi della giornata lavorativa e del fatto di non essere stato invitato in Toscana, stasera me ne vado alla fraschetta "Dar Burino".

Ponte

Beati voi.

29 ottobre 2005

inve.google.com

Dal punto di vista di Sage il feed di Inve è morto.
Dal punto di vista di Google Reader no.
Il feed è lo stesso.

28 ottobre 2005

Boys and girls go to school and girls they make children

Ma i bambini delle medie portano lo zaino con la sporta?
Cioè, quell'arnese rotellato con cui mia nonna faceva la spesa a Valmelaina?

27 ottobre 2005

#6 neighborhood (2)

scrivania
La scrivania.

#6 neighborhood (1)


Dalla finestra della stanza.

Ma allora questa ad AmicaB piace

There’s a moon over Bourbon Street tonight
I see faces as they pass beneath the pale lamplight
I’ve no choice but to follow that call
The bright lights, the people, and the moon and all
I pray everyday to be strong
For I know what I do must be wrong
Oh you’ll never see my shade or hear the sound of my feet
While there’s a moon over Bourbon Street

It was many years ago that I became what I am
I was trapped in this life like an innocent lamb
Now I can never show my face at noon
And you’ll only see me walking by the light of the moon
The brim of my hat hides the eye of a beast
I’ve the face of a sinner but the hands of a priest
Oh you’ll never see my shade or hear the sound of my feet
While there’s a moon over Bourbon Street

She walks everyday through the streets of new orleans
She’s innocent and young from a family of means
I have stood many times outside her window at night
To struggle with my instinct in the pale moon light
How could I be this way when I pray to God above
I must love what I destroy and destroy the thing I love
Oh you’ll never see my shade or hear the sound of my feet
While there’s a moon over Bourbon Street

26 ottobre 2005

Congratulazioni

Alla Juventus, per il probabile scudetto, ora che una delle concorrenti è andata (se c'è mai stata).
Arduo giocare senza centrocampo.

Per chi non ama l'arte pedatoria, stasera un esempio della sua bellezza: il talento inappellabile di un giocatore, la sua incredibile stupidità, il farsi cacciare fuori con una punizione assegnata a suo favore, il rischiare di buttare nel cesso una vittoria insperata creata quasi esclusivamente dai suoi piedi.

(Per il francesino fighetto, trattasi invece di stupidità e basta, non riesco a credere che abbiamo rischiato l'esclusione dalle coppe per questa pippa).

25 ottobre 2005

Oceanico plugin

Messo il color theme Clover su Winamp 5.11.
Regalo e primo ascolto, Nada Surf, Do It Again.

A parte questo, un cesso di giornata.

24 ottobre 2005

Famiglia di bolscevichi (2)

I segni del tempo che passa non sono tutti uguali.
C'è il ricordo improvviso di come facevi prima, come quando un anno fa conobbi una ragazza che telefonava dalle cabine, che io avevo dimenticato esistessero.
C'è un giorno di rottura, qualcosa che infrange un consuetudine, che magari consideravi immutabile.

Uno di questi eventi è un matrimonio di cui conosci come fratelli sposi e invitati.
Ci sono quelli con cui andavi a rimorchiare, le ragazze che magari ti piacevano, e non li vedi da dieci anni, o più, e hai il sospetto che i matrimoni servano proprio a questo.
Talvolta il tempo è stato gentile, talvolta meno, certo non ti ricordavi orde di bambini urlanti, perché qui, anche se la città ci ha mangiato da tempo, la provincia trova ancora qualche modo di farsi sentire, e ti presenta quelli che hanno la tua età e i figli già fanno le medie, e ti presenta quelle che tre mesi dopo il matrimonio hanno già il pancione.

Lo sguardo è quello di chi arriva su Marte dopo essere stato alle Maldive, la costante quella di renderti conto che non sai ancora farti il nodo alla cravatta, e ogni volta te ne compri una nuova.

Perché siete invecchiati? Perché siete ingrassati?
Io mi vedo tre concerti in quattro giorni, gioco a calcetto con chi ha dieci anni meno di me, non ho la certezza che quel che vedo sia giusto.
Però lo fanno in tanti, e se Freak Antoni aveva ragione, miliardi di mosche non possono sbagliarsi.

Durante l'eucaristia ha cantato la ex dello sposo, e la sposa era una ragazza madre, e c'era pure un transessuale.
Forse il senso era lì, questa è umanità, ci sono tutti, c'è posto anche per chi è fuori posto.
Ma a Pera e a Ruini, come glielo spieghiamo?

Enciclopedismo estremo (© Marco d'Itri)

Sconsigliato agli schifiltosi (e non scherzo, il link parla da solo)

http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Wikitapiro/Tarzanelli

23 ottobre 2005

Piazza Affari

Prima
Possibilità: prossime allo zero.
Difetti: nessun estremo per contattarla.
Azioni: fare qualunque cosa pur di sentirla parlare.

Seconda
Possibilità: sufficienti.
Difetti: storia decennale moribonda da tempo, corna estive, immaginario suicida.
Azioni: autoconvincermi che ha più bisogno di uno psichiatra che di me.

Terza
Possibilità: ignote.
Difetti: è una collega.
Azioni: non farsi fregare.

Quarta
Possibilità: ignote.
Difetti: è una collega nuova, non so neanche come si chiama, l'ho incontrata fumando nel portico.
Azioni: necessario approfondimento.

Consulenti:
C (ribassista e gelosa)
K (ribassista e doppiogiochista)
L (rialzista)

Asset Management:
Catalogazione in Access dei CDS di All Because of You.
Riposizionamento di alcuni fumetti nella varie librerie.
Escluso gironzolo in scooter causa perfido mal di gola.

(Nota per alcuni miei lettori: il numerale ordinale non sta a indicare la misura del reggiseno, tranne che per la seconda)

Cari amici miei

www.musicclub.it, e non avrete bisogno d'altro.
Per chi interessato, gli Editors suonano il 10 novembre al Rainbow di Milano, a 12 €.

21 ottobre 2005

BTW

Questa la offriamo in omaggio al blogger da 10000 dollari:
http://www.thesun.co.uk/article/0,,4-2005480548,00.html

Due sane risate

Mai pensato quanto potrebbe valere il vostro blog?
Ve lo dice il link indicato, contando non so come non so cosa.
Valgo 8000 dollaroni, le rane 0 (ma LOL), il tortarolo livornese sui 4500 (torte escluse), l'aretino deve pagare lui, e l'elfo m'ha battuto, sta sui 10 testoni (infatti è ™).

Del perché il venerdi non si dovrebbe lavorare

Consulente di #6: "La lingua batte dove il clito ride".

Qui una volta era tutta città

Monterotondo è un paese abbastanza decente, a circa sette chilometri da casa mia, di fondazione addirittura romana (si chiamava Eretum).
Sta su un piccolo colle, da cui il nome, ma da tempo si è ingrandito fino alla via Salaria, e oggi passa in allegria i trentamila abitanti.
Come tutti i paesi entro trenta chilometri e più dal centro dell'urbe, è di fatto un quartiere di Roma, da dove la mattina un'orda di pendolari usa l'utile trenino per andare a lavorare o studiare o farsi gli affari suoi in città.
Il dialetto sabino è ormai parlato da una piccola minoranza, sostituito dal borgataro capitolino, quello che voi esterni pensate sia il nostro modo di parlare ufficiale (:-P).

Inserirlo nell'elenco dei Comuni a prevalente economia turistica, mi dà idea che 1) i commercianti del posto hanno una lobby potentissima, 2) Marrazzo è impazzito, per fortuna dopo che la giunta ha approvato gli incentivi per l'acquisto di motocicli.

Quando c'era lui

C'era un giornale di sinistra, tanti anni fa, per i capitolini; era il Paese Sera, detto "er Paese" da queste parti.
La nascita di Repubblica, che prese tutta la crema delle firme, lo fece sparire, rendendo il giornale di Scalfari il riferimento del lettore orfano "der Paese", in particolare mentre il Corrierone era praticamente in mano alla P2.
Di quell'opinione, che buttiamo là come sinistra liberale, oggi non c'è rimasta che poca roba.
Di fatto, Repubblica è un maglio scagliato contro il rivale economico di De Benedetti, e cioè il Cav.
Chiedo ai miei folti link piemontesi se, ai suoi tempi alla Stampa, Mauro fosse così gossipparo e calendar-oriented, e fosse così ossessionato da Berlusconi.
Speciamente sugli USA, il quantitativo di bugie e scemenze scritto è incredibile.
A parte le headlines e poche illustri e vegliarde firme, Repubblica mi ha rotto il cazzo da tempo, senza sostituto, purtroppo, dato che il foglio di via Solferino ne è la fotocopia (almeno online), ed è anch'esso in mano agli altri rivali economici del Cav.

Il servizio sull'ora di religione è messo lì "pe' buttalla 'n caciara", non per informare su un cambiamento di legislazione o condizioni di lavoro, e il grassetto dell'home page è davvero stridente rispetto all'importanza della notizia.

Solidarietà allo Straniero, prenda con filosofia il fatto che quelli vendono un milione di copie (e fanno altrettanti contatti sul sito), mentre lui lo leggiamo in numero manzoniano.

Un Gilthas (™) sul parquet

La NBA ha deciso che i giocatori non devono più andare in giro conciati come rappers.
Vietate pure le cuffiette, gli occhiali da sole al coperto, le camicie senza maniche.
Un po' sciocco parlare, come ha fatto qualcuno, di svolta conservatrice, dato che la FIFA ha fatto lo stesso anni fa, senza troppo clamore.
Ne sarete sorpresi, Allen Iverson non è d'accordo.

Il ricomincio

Due gol, quello che ha aperto le marcature, un pregevole piatto sinistro, e uno un po' di culo con la palla che ha preso il palo e poi ha sbattuto sul portiere.
Due mangiati che neanche Vieri.
Un liscio in difesa, con conseguente gol avversario.
Una traversa.
Un tentativo di estirpare il femore a un avversario, fortunatamente (per lui) non riuscito.
Due piedi un po' malconci, specie sulle punte.
Due scarpini da ricomprare.

20 ottobre 2005

Crede di essere Martin Lutero?

Penso che con la pubblicazione delle "Dieci richieste al futuro governo italiano", Sabina Guzzanti abbia del tutto abbandonato la carriera artistica per passare a quella politica.
E non so se rallegrarmene o dispiacermene.

19 ottobre 2005

Well fio (e Dale')

Ho sentito gli Editors, effettivamente piuttosto Interpol-eschi.
Il chitarrista però, che è l'asso nella manica degli Interpol, è un po' meno bravo.

Se vi interessa, li ho sentiti su RadioPepito, grazie al fatto che mi passa il firewall al lavoro, e ha una discreta programmazione indiepop (ma possono capitare anche gli Oasis).

18 ottobre 2005

Note svolazzanti in aria

Va bene, Soul Meets Body mi piace.
(Earth Angel fa schifo, anyway).

Ma siamo quiiiii, a Modena saaaaiiiii

Saluti a M, che dopo una lunga permanenza nella capitale, se ne va al di là del circolo polare.
Mi piacerebbe avere i suoi anni.

17 ottobre 2005

Evitateli

The Amazing Pilots (cloni degli Smashing Pumpkins)
Canadians (inascoltabili)

16 ottobre 2005

Famiglia di bolscevichi (1)

"A Milano, invece, è arrivato al seggio in scooter (presso a sede Sdi di piazzale Martini) uno dei candidati, Ivan Scalfarotto, che si è messo pazientemente in fila: "Sento dire che la partecipazione è buona e sono molto contento - ha detto - anche questo è un segnale a questo pessimo governo che ha riproposto la iattura del proporzionale"."

Se permettete, anch'io.

Piantiamola con le stronzate

Che sono vent'anni che la menano con la storia dell'orientamento.
Abbiamo già bruciato i suoi libri, bruciamo lui.

13 ottobre 2005

Gilthas, non è che arriva pure Thor?

Lo stadio del Tromsø, la squadra norvegese che affronta la Roma in UEFA, si chiama Alfheim, che è il mondo degli elfi, uno dei nove della mitologia nordica.

(Che poi immaginatevi lo stadio dell'Atalanta che si chiama, che ne so, Purgatorio, e sarebbe comunque meglio di come si chiama adesso)

Scontro di civiltà

Nella sua infinita saggezza, la FIFA quest'anno ha deciso che uno degli ambiti posti per la Germania si decidesse tra la quarta della CONCACAF (Nord America) e la quinta dell'AFC (Asia).
Una è Trinidad e Tobago, l'altra veniva decisa ieri da uno spareggio tra Uzbekistan e Bahrein.
Ero gia pronto a gustarmi il match tra un isola dei caraibi da cartolina, con le palme e la gente seminuda, e un paese composto esclusivamente di montagne.
Sarebbero mai tornati a casa gli uzbeki? Avrebbero chiesto asilo politico? Cosa avrebbero raccontato ai loro amici delle montagne? Che c'è un posto dove non ci sono solo montagne ma anche, incredibile, il mare?
Non lo sapremo mai, con un opaco 0-0 sarà il Bahrein a fare lo spareggio.
A prescindere, forza Trinidad tutta la vita.

12 ottobre 2005

Si vuol bene a questa città

Al bar, stamattina, il barista e Romi'(na):

"C'hai du' occhi Romi'..."
"E so' pure due!"

Maremma maiala

Mi pareva che ci fosse stato un uragano in Guatemala, ma magari mi sbaglio.

10 ottobre 2005

Ebbene sì, esiste

http://inkulator.sourceforge.net/
(Nota per non informatici: SourceForge è un sito molto serio, da escludere la burla)

Da allora non si hanno notizie

Si è iscritta a iobloggo 9 mesi fa ed è stata vista l'ultima volta 2 giorni e 22 ore fa.
(Sarà per la storia della tinta?)

Il sito più lento della galassia

È questo.
(Sì, oggi sono un po' bastardo, i simpatici DBA mi hanno piallato due DB.)

Tsunamino

Il classico impeto stronzo di una domenica finalmente con un po' di sole.
Decido che devo assolutamente farmi un giro dalle parti di Ostia e Fiumicino, e comincio dall'idroscalo.
Considerata una delle zone più degradate di Roma, lo dimostra con copiosi allagamenti delle sue strade.
Ma io che non ho paura di niente procedo in mezzo ad automobili impantanate in venti centimetri d'acqua.
In mezzo all'acqua becco il bucone finale, mi impunto e precipito verso l'asfalto.
Reagisco prontamente, ginocchio a terra, tengo il manubrio, sono piegato ma sto in piedi, la posa non è priva di una certa plasticità, sono un po' il discobolo di Mirone, solo che al posto del disco ho lo scooter.
Ma come mio padre mi spiegava, anche le cose più insospettabili hanno uno spuntone, e infatti il cavalletto mi si infila nel tendine d'Achille, facendomi invocare varie divinità locali ed estere, con linguaggio poco adatto a una signora.
In tutto questo, il catorcione resta acceso, appare la lucina verde sul cruscotto che indica: "Sei un fesso".

9 ottobre 2005

Zio chi?

Rimediate il fumetto serie oro di Repubblica dedicato a Zio Paperone.
È realizzato da Don Rosa, e narra la storia della vita del taccagnone, dalle origini in Scozia.
Dimenticatevi tutto quello che avete letto finora, Zio Paperone è amaro, cattivo, stronzo.
Mai visto un fumetto Disney così.
Imperdibile.

Jenna Dixit

Jenna Jameson, la più famosa pornostar del pianeta, in un'intervista:

What kind of injuries have you sustained on set?

You always throw out your back, and your knees usually hurt afterward, too. I did a scene with Rocco once and couldn't walk straight for a week. Size like that is not a good thing. I've also had cameramen fall on me while I've been having sex.

Ardua da capire, ma geniale

Zio Fringuello

Non vi fate ingannare dall'errore!
Fondamentale la guida a via Sannio.

Il gioco più bello del mondo!

È questo.

8 ottobre 2005

Si può fermarli?

No, non si può.

Un po' di calci

"Nei paesi ricchi lo sport, inteso come cultura nazionale, come identità popolare, sopravvive solo se riesce a darsi regole severissime e iperprofessionali, all'altezza dei miliardi investiti e incassati, all'altezza delle ore di palinsesto occupate. Come negli Usa, dove quasi tutti i nostri presidenti di calcio, con i loro inguacchi e i loro pasticci regolamentari, verrebbero allontanati con disdoro, un presidente che si vende le partite sarebbe trattato come un imbroglione indegno del sacro business, e i tifosi che bloccano treni e traghetti per influenzare i verdetti della giustizia sportiva sarebbero impacchettati in blocco e spediti a riasfaltare le strade."

6 ottobre 2005

Mi costituisco

Ho dormito due notti con una che balla i Black Eyed Peas.

* Embé?

Gil non dice niente?
(Anyway, già si sapeva da giorni).

Il fiume russo

Mi hanno consigliato un kebabbaro dalle parti di piazza Fiume, ma mi hanno indicato male l'indirizzo, e mi tocca girare per cercarlo.
Mi capita un posto, con scalette che scendono sotto strada, chiamato "Il bello delle donne".
Stupito, non mi ricordavo che avessero riaperto i bordelli.
È un solarium.

Il kebab è ottimo, non c'era manco un'insegna, non era facile trovarlo, ma ne valse la pena.

Arrivo al Circolo degli Artisti ma scopro di avere un'ora e mezza di anticipo sul concerto, mi metto a passeggiare per perdere tempo, poi telefono a una, mentre penso a un'altra.

Il Circolo degli Artisti merita una digressione; è costruito in una vecchia area ferroviaria (credo), dove c'è la stazione di Roma Casilina, oggi in parte inutilizzata, sotto gli archi dell'acquedotto Alessandrino
In pratica è il cosiddetto Mandrione, dove Pasolini cercava i soggetti per i suoi romanzi.
Ha molto spazio e due sale grandi, è da anni la base di Radio Città Futura, il pubblico abbastanza eterogeneo.
Prima si trovava a piazza Vittorio, dove fin dagli anni '70 era stato una specie di faro dell'alternativo live romano. Gruppi di ottima fama sono passati in quel buco quando erano ignoti.
Dopo lo spostamento, qualche anno in sordina, ma da un po' ha ripreso con cartelloni di tutto rispetto.

I primi a suonare sono degli italiani di nome The Niro, fanno pochi pezzi, sono abbastanza floydiani.
Ed ecco gli Okkervil River.
Sono una banda di cialtroni, si passano tutto il tempo una bottiglia di whisky.
Quando salgono sul palco si montano tutto da soli, e si sistemano anche le luci (!!!).
Al cantante parte una corda della chitarra, la sostituzione è lunga, e allora prendono i generi di conforto dal camerino e li lanciano sul pubblico.
Ma sono braaaavi, splendido concerto.
Sarebbero un gruppo folk, ma la definizione è riduttiva, a me ricordano talvolta i Pavement, per chi li conosce.
Sono stasera al Covo a Bologna, e domani al Jail a Milano, se potete andateci, ne vale veramente la pena.

E poi i loro CD sono in vendita su un banchetto prima dell'inizio del concerto, e io adoro queste cose.

E chi vendeva i CD erano il batterista e il bassista, e io adoro queste cose.

4 ottobre 2005

This is half-season

Quando per non far appannare la visiera
apri uno spicchio della stessa
e da quello spicchio ti si caccia nell'occhio
un refolo di aria gelida che ti fa lacrimare
e la gente pensa che hai la febbre
e l'occhio ti fa pure un po' male

è inverno.

Liz, o del problema di essere bona

Chi conosce Chrissie (o Christine) Hynde?
La conoscete tutti, spero; è la cantante (e autrice di tutti i pezzi) dei Pretenders, gruppo pop inglese che ha fatto le migliori cose a inizio anni '80, ma lei è americana.
Fa un divertentissimo cameo in una puntata di Friends, quando Phoebe cerca di insegnargli a suonare la chitarra, ma per quelli come me, lei è la corista di Pride, indicata nei crediti come Christine Kerr, essendo all'epoca moglie del cantante dei Simple Minds, Jim Kerr.
Anni fa, in un intervista, disse che nessuna donna non sarebbe mai stata una decente rocker, "because have boobs", perché hanno le tette.
Come ogni dichiarazione settaria, può essere presa in giro, ma ogni tanto credo che abbia ragione.

L'ultima a far tremare il mio credo egualitario è Liz Phair.
Patita con un album scioccante come Exile in Guyville, si perde un po' per strada con i successivi dischi.
Poi il disastro, un album con il suo nome, dove la bionda compare a seduta a gambe larghe con un provvida chitarra a coprire la parte interessante.
Nell'ultimo album siamo alle trasparenze in penombra.
Va detto che Liz non è niente male, e certe foto se le può permettere.
Le canzoni che fa ora invece no, ed è diventato difficile distinguerla da Avril Lavigne.

E io già tremo per la mia adorata Cat Power.

1 ottobre 2005

Rimaniamo in zona

Ho solo delle foto piccole, non vedo bene.
L'arco che "will connect the Olympic Village to the Lingotto Direction Centre", fa la sua figura o è una burinata?
(A prescindere, il colore è orrendo).

Andiamo a spegnere il fuoco

Torino 2006's back.
Oggi il CIO mi informa che il programma Noi2006 (quando si è originali), prevede qualcosa come venticinquemila volontari.
Vabbè, cinquemila sono solo per la cerimonia inaugurale, poi li buttano via.
Oggi sentivo parlare di circa tremila pompieri che cercano di spegnere gli incendi in California, incendi grossi più o meno come l'Umbria.
Tremila.

Ventimila volontari, cosa fanno?
Portano la neve a braccia? Si stendono uno a fianco all'altro per fare il trampolino del salto? Cercano di dividere risse nell'hockey su ghiaccio?
Ogni atleta avrà sei valletti personali?
Ma soprattutto "the operations director of Adecco for the North-West Anna Bogatto", cosa ci fa lì?

Mi sto concentrando

Ma no, immaginarmela con i capelli lisci non ci riesco proprio.
Lei è Riccia Inside™.

30 settembre 2005

Serbatoio

Ma i giornalisti di moda, dove trovano tutte le stronzate che dicono?

28 settembre 2005

Cronache da scootertown

Piazzale Appio, incrocio enorme, varie migliaia di auto al giorno.
Gli archi, la basilica di S. Giovanni, davanti alla Coin tutti in doppia fila, via La Spezia che diventa larga come una freeway.
Noi su due ruote ci piazziamo davanti a tutti, siamo almeno un ventina.
Quasi verde, salgono i giri.
Verde, il rombo è assordante, cambi e variatori attaccano, via.

All'improvviso, il parapiglia, frenate, scartate, che succede?
Una donna, penso invalida, attraversa l'incrocio a passo di lumaca, è ancora a metà.
Per lei è finita, tra mezzo secondo arriveranno le automobili.
Interviene l'eroe, un vigile che si mette in mezzo alla strada a braccia aperte.

La signora approda al marciapiede, il vigile le urla qualcosa che non sento.
Lei, con un gesto della mano, lo manda a quel paese.
Io sono già al semaforo di via Corfinio.

27 settembre 2005

Daniel

Si discuteva in ufficio del fatto che, essendosi inventato un personaggio che di mestiere fa il "capro espiatorio", Pennac avrebbe dovuto avere il Nobel per acclamazione.

Gloria a inkiostro

"Nonostante quanto dicono il Governo e le sue stime, anche per quanto riguarda l'occupazione in Italia (e in Europa) siamo davvero con l'acqua alla gola. Per capirlo è bastato imbattersi nello spot del concorso di Mtv Load. Quando il primo premio non è un viaggio a New York o un'automobile fiammante, ma uno stage retribuito di due settimane, vuol dire che siamo messi davvero male."

Piccole caserme crescono

Consulente di #6: "Alessia Fabiani ha fatto un altro calendario..."
Collega di #6: "Ma quanti ne ha fatti?"
#6: "L'abbiamo vista crescere"

26 settembre 2005

Simona Panzino?

Vabbè, allora pure io, scusate.

Argento meritato

Ho cominciato a guardare la finale dell'europeo di pallavolo.
Ho finito per guardare la numero 1 polacca, tal Katarzyna Skowrońska, Kasia per gli amici.
Siccome gli occhi non li ho solo io, ci sono in giro un bel po' di fansite a ella dedicati.
Qualcuno passa per Vicenza?

24 settembre 2005

Si discute da tempo nella perfida Albione

La canzone d'amore con il testo più bello è Yesterday o Love Will Tear Us Apart?
A me piace molto questa, l'amore normale del XXI secolo, non quello di Barbara Cartland.

Do you feel like a chain store?
Practically floored
One of many zeros
Kicked around bored
Your ears are full but you're empty
Holding out your heart
To people who never really
Care how you are

So give me Coffee and TV
Easily
I've seen so much
I'm goin' blind
And I'm braindead virtually
Socialability
It's hard enough for me
Take me away from this big bad world
And agree to marry me
So we can start all over again

Do you go to the country
It isn't very far
There's people there who will hurt you
'Cos of who you are

Your ears are full of the language
There's wisdom there you're sure
'Til the words start slurring
And you can't find the door

So give me Coffee and TV
Easily
I've seen so much
I'm goin' blind
And I'm braindead virtually
Socialability
It's hard enough for me
Take me away from this big bad world
And agree to marry me
So we can start all over again

A john

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajaro
vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

Forse 'ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di' le cose come stanno
senza paura de fini' in priggione.

23 settembre 2005

Ma le rileggono quando le scrivono?

Siena, Ruini contestato
interrompe il discorso
Il cardinale era in Toscana per ricevere
il premio "Liberal".

Cercare di non ridere

Ma come riuscirci, quando ti immagini un sellerone livornese che balla "Ti pretendo" nell'estate romana, quindi sudato come un manovale, e poi si ferma e pensa: "Ma che cazzo sto facendo?", e se ne va?

22 settembre 2005

C e gli anni '80

Tempo fa, C mi dice di andare a Milano a vedere i Depeche Mode.
C, che qualcuno di voi ha visto, ha un interminabile elenco di qualità, ma le due più importanti sono che è la mia migliore amica, ed è la mia compagna ufficiale quando vado ai concerti.

I biglietti li vende TicketOne, si parte con la vendita il 12 settembre, per un concerto che avverrà a febbraio.

Il 12 settembre il sito di TicketOne è irraggiungibile, tutto il giorno.
Bis il 14 settembre, biglietti per il giorno dopo, stessa storia.

Giovedì 15 non ci sono più biglietti in giro.

Non mi interessa il dibattito su questa modalità di vendita, già affrontato, talvolta male, su it.fan.musica.u2, e che ha riguardato anche altri concerti di quest'estate.

Ma i Depeche Mode sono una decente band di pop elettronico degli anni '80, ammesso che ci fosse qualche altro pop in quegli anni (sì, c'erano gli Smiths).
Come può essere che un gruppo così, che di recente ha pubblicato un singolo che avrebbe potuto scrivere 20 anni fa, esaurisca due palazzetti?

Niente talebanate per favore, non sono gli U2, non sono i Police, non è neanche gente che ha venduto miliardi di dischi, qualche singolo di successo, niente più.
Rimasti nel solco di quel poco che sapevano fare, l'hanno fatto bene, e non hanno mai pensato di allontanarsi da lì.
Il brutto scrive le canzoni, il bello canta, comunistoidi negli anni '80, qualche simbolo rubato all'immaginario sovietico, ora sembrano vestiti da Armani.

Sono certo che il pubblico non sarà fatto da miei coetanei, ma da freschi maggiorenni, qualcuno dei quali saprà anche i testi a memoria.
Ho la sensazione che qualcosa non quadri, non è possibile che artisti che sono in giro da trent'anni, molti dei quali producono ormai materiale al limite della decenza, siano idoli di pupetti.

Anni fa ero a Dublino per lavoro, in un negozio di dischi un mio collega mi fa notare una cosa che mi era sfuggita: c'erano quasi esclusivamente greatest hits.
Anche di gente che aveva fatto due album; e non ci sono inediti, le canzoni fuori album ormai sono come mosche bianche, non siamo ai tempi dei Joy Division.
Con C ho visto i Kings of Convenience a Ostia, gruppo recentissimo, pubblico di vegliardi.
I giovani? A vedere Vasco Rossi? Fa ribelle "con una mano ti sfiori"?

Non crederò mai al "qui una volta era tutta campagna", non ci sono generazioni più intelligenti, o decenni più creativi.
Mi manca il messaggio che lega una ventenne seminuda a testi scritti quando per una donna era sconveniente fumare in pubblico.
Devo cercarlo qui, in una specie di "ill communication" che i Beastie Boys avevano visto dieci anni fa?

Vedevo Anni Luce, qualche giorno fa, c'era Sofia Loren che distribuiva i regali della befana ai "bambini poveri delle borgate".
Ora ci sono "i ceti meno protetti delle zone degradate".
Così, è fallito il linguaggio? (Che è un virus, diceva Burroughs.)
Le aspettative sono le stesse, ma non si sa più descriverle?

(poi leggete qui)

Bastaaaaaaaaaaa! (bis)

Volevo comunque apprezzare il gesto di Siniscalco.
Messo nell'impossibilità di lavorare, ha fatto quello che tutti i ministri dei paesi normali fanno.

Bastaaaaaaaaaaa!

Voglio andare a votareeeeee!

21 settembre 2005

Carlo Azeglio Forever

Si può metterlo in crio-fuga? (Questa la capiranno in pochi)

L'unico punto che non condivido è la lettura troppo risorgimentale del 20 settembre.
Fu solo Pio IX, che si dichiarò "prigioniero dello stato subalpino" (spettacolare sarcasmo), a dargli questo significato.
Lo scontro tra stato e chiesa non c'era, Roma era semplicemente la capitale designata ma occupata da un esercito straniero.
Il quale, duramente legnato a Sedan, se ne dovette andare.
Non c'era nessuna necessità strategica di sfondare le mura, e venne fatto volutamente a scopo propagandistico.
A resistere c'erano quattro guardie svizzere.

Ma a parte questo, lo rimpiangerò, e tanto.
Chissenefrega dei papi, è per gente così che si dovrebbe fare la fila e bloccare una città.

20 settembre 2005

Lavorare stanca

Uno dei passatempi più stronzi che ho è quello di sgamare l'azienda dall'email.
Mettete che avete conosciuto una biondona micidiale di nome Genny, volete mettere le risate quando scoprite che la sua email è genoveffa.intuzzabanchi@tubature-tufello.it?

19 settembre 2005

C'è chi la notte bianca l'ha passata così





No, non sono io per la storia di venerdì.
Sono solo il fotografo.
Maggiori info

C'erata

Uno degli accessori della dotazione di sopravvivenza dello scooterista è la cerata.
È un completino giacca e pantaloni che serve a non inzupparsi in caso di pioggia, con diavolerie tipo le cuciture nastrate catarifrangenti, riducibile a dimensioni da sottosella.

E voi direte: "Come il K-Way". No.
Quello è roba da poveracci, e poi non resiste ai veri diluvi.

La cerata è fatta di materiale imprecisato, ma la cui formula è stata fornita dagli extraterrestri alle case produttrici.
Permette di stare comodamente sotto le cascate del Niagara, ma attenzione, la magia sta nel fatto che dopo circa dieci secondi al secco, la cerata è assolutamente asciutta.
Non ho ancora capito come fa.
L'altro segreto è quello di influenzare gli eventi atmosferici: se ve la mettete, massimo 4 secondi e smette di piovere.

Rovesci della medaglia, il primo è l'effetto "m'hanno dato la sóla!"; data la velocità di asciugaggio, l'acqua sottrae calore alla cerata, rendendola fredda.
Lo scooterista, sentendo il freddo, è sicuro che entri l'acqua, e comincia a imprecare.
Io lo so benissimo, ma ci casco sempre, con smadonnamenti vari, e successivi auto-insulti.
Il secondo è peggiore: data l'impossibilità di ogni fluido di entrare e uscire, la cerata si trasforma rapidamente in altoforno, aiutata anche dal colore tipicamente nero.
Per provare l'emozione di cuocere a fuoco lento, basta un temporale estivo; ve la infilate, ovviamente smette di piovere, e voi sudate come la Fontana di Trevi.

Va bene l'incanto delle foglie e i cieli tersi...

...meteorologicamente però, a me 'sto settembre ha rotto il cazzo.

18 settembre 2005

Per i miei linkati scooteristi

Oriental riders have a completely different approach to big scooters than do their European counterparts. Italian "scooteristi" believe a scooter, no matter how big, is strictly for cutting through traffic in cities laid out for medieval traffic.

Hence the 500cc Piaggio X9, with its vivid acceleration and insanely quick steering and no wider than a 125 or much heavier, with firm suspension and ground clearance that would do credit to a superbike.

(il resto dell'articolo qui)

Dal vangelo secondo Claudio Bisio

Per chi ha avuto la fortuna di vedere Tersa Repubblica, in teatro o in tv, sappiate che quel ristorante esiste!