13 dicembre 2005

Bello possibile

Non ho mai capito perché le foto più belle dell'anno debbano essere delle tragedie.
Non che non ci siano belle foto di tragedie, come la famosa bambina vietnamita colpita dal napalm (che poi era un filmato), ma l'arte dei sali d'argento non può prendere a modello solo macerie e facce tristi.
Per dirla tutta, delle foto del Times quella che a me piace di più è la quarta, il giudice Roberts che abbraccia i suoi bambini di fronte al palazzo che forse rappresenta il più potente potere del pianeta.
(Poi c'è la nona con la più grande meraviglia che la natura abbia creato, ma lì è una mia debolezza).

7 commenti:

  1. A proposito di foto: è un nipotino quello con te nel ritratto a destra? :-)
    Brain

    RispondiElimina
  2. Brain: penso di sì, un figlio suo sarebbe già nato col casco.

    RispondiElimina
  3. Voi donne appena vedete un pupo...

    È il figlio di un mio amico, mi fa da consulente finanziario, oltre al fatto che sono in analisi da lui da alcuni anni, tre per l'esattezza, che è la sua età.

    RispondiElimina
  4. Lele: la 7 è interessante, infatti; è uno dei rari casi in cui i giapponesi non se lo magnano, il beluga.

    RispondiElimina
  5. A parte che non ci sono solo foto di tragedie, io col mio pessimismo cosmico non riesco a trovare motivi per mostrare foto di avvenimenti gioiosi...quando non ci pensa qualche arma, o qualche virus da laboratorio, a fare strage ci si mettono terremoti e inondazioni...
    la foto della bimba vietnamita mi perseguita...ci penso tantissimo...aveva ragione mia nonna...ci vorrebbe una bella guerra sulle nostre teste per riportarci alla realtà che ci circonda...
    scusate il panorama nero...non lo faccio più!
    :-)

    RispondiElimina
  6. e perchè a Hollywood gli attori che vincono gli oscar sono quelli che fanno film drammatici e mai un comico?
    kzissou

    RispondiElimina