2 gennaio 2006

Sì (più o meno)

Ci meritiamo tutto questo.

Bisogna andare a quando si è votato, non ora.
Si è votato nel 2001, dopo che nella legislatura c'erano stati quattro governi (Prodi, D'Alema, D'Alema remix, Amato).
Al momento delle elezioni, i "pesanti" del centrosinistra se ne sono fregati, Prodi a Bruxelles, D'Alema credo in barca, Veltroni a Roma, il leader era Rutelli (fate voi).
Tecnicamente, non c'è stata la desistenza con Rifondazione al Senato; ci fosse stata, probabilmente il centrodestra non avrebbe avuto lì la maggioranza, un po' come nel 1994.

Se volete, continuate a pensare che gli italiani votarono per le promesse.
In maggioranza, votarono contro una coalizione allo sfascio.

Nei commenti credo che Krapp faccia un errore: la frase è sensata nel nuovo sistema elettorale, non lo era prima.
Dire "voto X invece di Berlusconi" quando X apparteneva a Berlusconi, significava non aver capito il maggioritario o essere in malafede.
In genere la seconda ipotesi è giusta.

10 commenti:

  1. Fosse solo X che appartiene a Berlusconi, quello ha mezza Italia e l'altra mezza sta facendo di tutto per prendersela...

    RispondiElimina
  2. Sulla candidatura di rutelli secondo me, in fondo non ci credeva nessuno.

    Diciamo che sull'onda e sull'entusiamso delle promesse dichiarate dal nano, gli italiani hanno voluto punire una coalizione alla deriva... io la penso così.

    RispondiElimina
  3. Ermanno ti sbagli, è la 1a ad essere quella giusta...il maggioritario in realtà non è stato capito dalla grande massa dei votanti, esattamente come non è stato capito il nuovo sistema elettorale.
    Onestamente credo che bastino tre numeri per capire il perchè di quella vittoria: Forza Italia : 29,4%.
    Ds: 16,6 %
    Margherita:14,5%.

    Da sola FI aveva gli stessi voti che avevano i due principali partiti della sinistra, prova di un consenso del premier incredibile, che va al di là di quello che può essere lo sbando della coalizione avversaria. Quelle elezioni le vinse Berlusconi, grazie sopratutto alle sue promesse. Rutelli fu vittima e capro espiatorio, onestamente, per quanto reputi rutelli un politico insipiente e irritante, credo che nessuna (o pochissima) colpa possa essere a lui addebitata.

    P.S. Andato bene il capodanno trentino? :D

    RispondiElimina
  4. Dissento.
    I conti che fai sono quelli basati sulla terza scheda, quella della quota proporzionale del 25%.
    Quella serve solo ai partiti per "contarsi", ma elettoralmente conta quasi nulla.
    Il consenso al premier c'è stato perché era l'unico candidato, di là non c'era.
    Che poi non sia colpa sua posso essere d'accordo.

    RispondiElimina
  5. In effetti potrei fare una lista sterminata di persone che conosco, da pensionati a studenti, da operai a commercianti, che votarono il berlusca principalmente per le illusioni che riuscì a creare in quei mesi.

    RispondiElimina
  6. Possiamo fare l'analisi delle elezioni con i conoscenti?
    Ci sono 49 milioni di votanti.

    RispondiElimina
  7. è vero, per l'analisi elettorale bisognerebbe mettere in campo Hari Seldon e la sua psicostoriagrafia ;-PP, o in alternativa ammettere che di quei 49 milioni solo molto pochi sono umani, il resto tutti replicanti ;-DD

    RispondiElimina
  8. Nell'Italia dell'Impero Galattico, Seldon sarebbe un dipendente Mediaset, una specie di Pilo
    :-)

    RispondiElimina
  9. Ovviamente no ermanno, ma i sondaggi dell'epoca (corriere, espresso e altri) parlavano chiaro: c'era sfiducia nel centro sinistra e ci si affidò alle promesse del piccolo uomo.

    RispondiElimina
  10. Sarà pur vero che elettoralmente quel 25% conta poco, ma era l'unica occasione (a parte i sondaggi) di porre gli italiani davanti alla domanda "se devi scegliere un partito, chi scegli"? E gli italiani scelsero con percentuali turche FI. E forza italia era, allora come adesso, Berlusconi...d'altra parte, negare oggi che c'era intorno al nano un'aria di fiducia generalizzata mi pare abbastanza assurdo. Il governo del nano fu accolto positivamente da Confindustria, da Bankitalia, e in generale dai vertici dell'economia italiana. Purtroppo le attese sono andate deluse, dando ragione (e ripeto, purtroppo...perchè cmq vogliamo tutti il bene dell'italia) alle cassandre :/

    RispondiElimina