14 aprile 2008

Diario del presidente della sezione 17: ci hanno rotto il culo

Nel marasma di numeri un piccolo contributo dalla periferia dell'impero, che ho pure un po' sonno.

Presidenzio in un comune governato dal centro sinistra, in un provincia governata (credo per un paio di settimane) dal centro sinistra, in una regione governata (ma non si direbbe) dal centro sinistra.

Nell'ormai leggendaria sezione 17 "centro del mondo" la Destra e la S. Arc., soprannominata la S.Arc.azzo, hanno preso lo stesso numero di voti, circa 35.
In più, ci sono 15 voti per Forza Nuova.

Avete letto bene, e questo in un posto dove, se vi fidate di me, non esiste nessuna struttura territoriale dei simpatici fascistoni.

Ora, io lo considerei materiale per pensare, e notate bene, non per ripensare.
Questi numeri, aggiunti a quelli di diversa scala che stanno piovendo dal Viminale, non mi sorprendono, li considero la solita Italia.
Solo che non pensavo che l'Italia fosse così tanto Italia.

Non ho finito perché domani ho ancora la provincia, ma vorrei dare il giusto riconoscimento duepuntozzero alla mia segretaria che ormai fa le buste con gli occhi chiusi, e agli scrutatori che sono stati impeccabili.
Visto che qualcuno se lo sarà sicuramente chiesto, vi dico che due sono ragazze e che sono splendide, da qualunque punto di vista le vogliate osservare.

So bene che un presidente non dovrebbe indugiare nella contemplazione delle sue due scrutatrici, specie se di un buon decennio più giovani, ma pensando a quello che stavo contemplando nei verbali, mi sono dato subito l'assoluzione.

4 commenti:

  1. dato subito l'assoluzione
    queste ultime parole fanno intuire la fine dello stato laico, direi; o anche la svolta clericale di questo blog? ;-)

    RispondiElimina
  2. Alle prossime politiche farò finta di aver sbagliato seggio :)

    RispondiElimina
  3. Breakaway15/4/08 11:27

    Non ti preoccupare presidè... tanto, se continua così, per un ventennio queste elezioni saranno ricordate (un'altra volta) come le ULTIME...

    RispondiElimina
  4. Ma esattamente, per quale motivo gli operai avrebbero dovuto votare SA? Per l'indulto? Per l'assassinio del governo Prodi? Per aver rimesso in discussione l'accordo sulle pensioni che gli stessi avevano accettato con l'81% dei sì? Giustamente, tutti voti andati alla Lega e a Di Pietro, non a caso i due contro l'indulto. In comuni operati del Nord, la Lega è al 50% e SA allo 0.3%.

    RispondiElimina