28 luglio 2008

E poi dicono di Tavaroli, poverino

Tra le principali occupazioni della bloggheria italiana c'è quella di rilanciare le notizie prese su Corriere o Repubblica, e già ci sarebbe da discutere sulla scelta, aggiungendoci un po' di talmud.

Anzi, diciamo che è proprio l'occupazione principale; si becca una bella notiziona di quelle che "spaccano" e giù con il commento critico, ironico, esultante, a seconda dei gusti, corredato da prezioso (per loro) link.

Per prenderne una fresca, "un medico obiettore ha rifiutato il proprio aiuto a una donna sottoposta ad aborto terapeutico".
Teribbile, e i diritti, e la donna, e la religione, e la libertà di scelta, e la 194, e gli obiettori (che comunque hanno rotto il cazzo, questo si può dire).

Solo che, svolta la pontificata, non si sa più niente.
Che gli hanno fatto a questo anestesista? L'hanno impalato? Licenziato? Un mese senza stipendio? Un indennizzo ma nessuna reintegrazione?

Siccome Portmeirion è un impiccione, vi porta dove gli altri blog non vanno, a cercare come è andata a finire.
Com'è andata?
All'anestesista non gli hanno fatto nulla.

7 commenti:

  1. grazie. allora adesso lo farai per tutte le notizie. per te, per loro, per chi ti pare.

    RispondiElimina
  2. patchinko28/7/08 17:19

    io sarei anche tentato di lodare la tua iniziativa ma mi contengo perchè in italia va di moda l'opinionismo, non il giornalismo investigativo.

    RispondiElimina
  3. patchinko: la tua frase riassumerebbe bene il tema.
    Io pensavo a qualcosa di leggermente diverso.
    Quella notizia ha una fonte strana, il marito che lo dice alla CGIL (?).
    Inoltre, siamo pratici di pronto soccorso? Un anestesista può prendere quella decisione, obiettore o no che sia?
    Non ci piove che i titoli siano fatti per accattivare, ma prima del noto "mostro in prima pagina", io sarei più cauto, evitando di sputtanare persone (in questo caso ignote) e uno degli ospedali più grandi di Milano.

    RispondiElimina
  4. patchinko28/7/08 17:46

    per quello che ho capito io (velocemente) la cosa del marito arrabbiato che si rivolge alla cgil mi sembra la meno strana, mi sembra la reazione più normale per chi è coinvolto emotivamente (la propria donna che sta male).
    per quanto riguarda il "siamo pratici di ps": io 'non' sono pratico di ps. leggendo la sentenza che hai segnalato tu (che è interna all'ospedale) l'idea che mi sono fatto è: l'anestesista non è intervenuto direttamente, però ha fatto la sua diagnosi e ha 'delegato' l'intervento a un ginecologo che era con lui. quindi in sé non mi sembra esista una responsabilità penale perché alla fine la donna non è stata lasciata a se stessa.
    la cosa fa notizia più che altro, secondo me, perchè risveglia nella mente l'immagine di ciò che 'potenzialmente' succederebbe se uno come mr. obiettore intransigente si trovasse ad affrontare una situazione simile e fosse solo.
    la cosa per fortuna non è stata il caso. ma fa notizia proprio perché uno pensa: "è solo una questione di tempo, prima o poi accadrà, per via di questi obiettori. e allora diremo che i segnali c'erano e che ce ne saremmo dovuti occupare prima invece bla bla bla".
    personalmente, io, che non sono anti-abortista, trovo la scelta dell'obiettore una forma di fanatismo. allo stesso tempo, non trovo niente da dire in questo caso visto che essenzialmente non ha compromesso la salute o il legittimo diritto alle cure di chicchessia.
    la cosa mi sembra avere rilevanza apputno più per il marito infuriato, che probabilmente la cosa più sensata che si può dire è che è un uomo che ha vissuto momenti di panico e senso di impotenza, ergo il polverone che ha cercato, per certi versi a ragione, di fare.

    RispondiElimina
  5. Cosa succederebbe se mr. obiettore fosse solo?

    IMHO niente, a ameno che mr. obiettore non sia scemo.

    Se ti rifiuti di curare qualcuno quello ti denuncia in tribunale e, sempre IMHO, qualsiasi giudice ti leverebbe la pelle facendo del paziente un uomo ricco.

    RispondiElimina
  6. Aò, sei mejo de Report ;-)

    RispondiElimina
  7. Come dice Gerry "ti denuncia in tribunale" non fa il piagnina per sollevare un polverone.
    Poi vabbè stiamo parlando di dolori da contrazione-parto (daquanto ho capito leggendo articoli)...di solito la risposta (obiettore o no) è : se li tenga/è troppo tardi(presto) per l'epidurale.

    RispondiElimina