7 agosto 2008

Una settimana in analisi (18)

O blogganti, comincio con l'affermazione più importante: Google Reader ha vinto.
Obietterete voi che adesso, poiché il mio blog lo leggono tutti così, ne ho fatto una legge.
In parte è vero, ma avendo lettori regolari da Acquaviva Delle Fonti (BA) e Cocconato (AT) mi sono incoronato blogger universale.

Google Reader, o più esattamente il suo scagnozzo Feedfetcher, fa circa il 60% di tutte le visite, e si tratta di visite umane, cioè dietro a Reader c'è sempre un utente reale.
Tra i visitatori appaiono anche cose che non sono umane, tipo Blogbabel, Wikio o il misterioso llssbot dei Microsoft Labs, quindi la percentuale è più alta.

Mi immagino le statistiche web del futuro come una lunga fila di bot, spider, web services e amenità varie che scorrazzeranno per i nostri semplici diari, una segnalazione della segnalazione, una lunga fila di "via" e "grazie a", e tre o quattro matti che saranno gli unici a cercare un contenuto originale, a fornire lavoro ai freddi agenti del chiacchiericcio.

E chi non usa Reader? I pochi che non lo fanno arrivano comunque da altri reader web, come Bloglines.
Quindi la seconda affermazione è: il feedreader desktop non esiste.
Si vede che si legge tanto in ufficio quanto a casa quanto con il telefonino, anzi, quando devi portarti i post a spasso, il network computing non si batte, a meno di costose sincronizzazioni.

A questo punto lo scopo è convincervi a compiere alcune azioni che rendano il vostro blog amichevole verso il vincitore o i suoi imitatori.
Sì, il blog è vostro, avete lavorato una cifra per fare il nuovo template, siete voi che decidete forma e contenuti, ma nessuno li vedrà.
Come nessuno vedrà i bottoncini delle cause perse che mettete in fila di lato, o il pimpirino di Flickr, o i 38 libri che state leggendo contemporaneamente sulla mensola Anobii.

Niente font strani, il che è un bene se pensate ai terribili titoli del Macchianera dopo la cura Wordpress.
Qualche volta si vede il grassetto o il corsivo, ma se siete patiti dell'ASCII-art tenete a mente che potrebbe apparire tutto smandrappato.

Le immagini si vedono, e anche i video di Youtube, quindi almeno su questo potete stare tranquilli, tranne che in un caso.
Il caso è, cosa lo dico a fare, Splinder.
I feed di Splinder non mostrano né immagini né filmati, e talvolta si capisce che c'è proprio un buco, e allora resta solo da aprire il permalink per vedere quello che il feed, chissà perché, impedisce.

A me Splinder mette quasi tenerezza, sembra una beta.
L'embedding? Roba da pariolini, qui ci vanno i caratteri e ringrazia che ci stanno tutti.
Si toglie un bel po' di clienti, un blog tipo Catastrofe non potrebbe starci, mentre c'è Inkiostro ma per vedere le sue librerie bisogna cliccare se no niente.
E a essere proprio pignoli anche spazi e a capo non sono sempre uguali.

Sinceramente leggo su Splinder solo amici o imprescindibili, e quando me ne capita uno nuovo controllo che faccia uso solo di lettere e numeri perché se no sbrocco.
La terza affermazione è: Splinder va superato.
Nel modo più facile, si scrive e basta, senza fronzoli; in quello più difficile si cambia aria.
Per le librerie consiglio di aprirsi un Tumblr, che ha anche un ottimo feed.

10 commenti:

  1. patchinko7/8/08 19:54

    io uso thunderbird, (ti risulta?) ma per i commenti torno al browser. ma mi sa che io sono uno di quei vecchiardi che non hanno più spazio per le nuove abitudini, già introdurmi a thunderbird è stato un passone.

    RispondiElimina
  2. Io mica lo ho mai impostato gugolrider. E' grave?
    E non sono neanche sicuro di rientrare tra le visite umane, il che poi in certi momenti non sarebbe mica contro la mia natura

    RispondiElimina
  3. Anche io uso thunderbird, però uso google reader come aggregatore perchè è molto comodo.

    RispondiElimina
  4. Io leggo Selezione dal Reader's Digest fa lo stesso?

    RispondiElimina
  5. patchinko: ma anch'io uso thunderbird, ma non per i feed.
    Il problema è che la loro lettura aumenta il tempo di startup dell'applicazione.

    RispondiElimina
  6. E da parecchio che uso Google Reader proprio per la comodità che quello che leggo in ufficio non mi viene riproposto poi a casa.
    Purtroppo sono anche uno di quelli che usa Splinder che inizialmente andava bene ma ora sta effettivamente restando indietro rispetto ad altre piattaforme. Però non ho voglia di migrare anche perchè mi dispiace lasciare tutto lo storico dei post. Alla fine spero sempre che si diano una mossa e migliorino il servizio.
    Comunque se uno vuole commentare quasi sempre deve aprire il blog vero e proprio (come ho fatto io ora...)

    RispondiElimina
  7. Ma un cannone in riva al mare?

    RispondiElimina
  8. patchinko8/8/08 17:38

    io tb l'ho installato solo ed esclusivamente per i feed.
    lo so che sono uno zotico.
    ma sono meno interessato all'aggregatore che al client desktop, ne ho provati alcuni e alla fine tb mi è sembrato il meno fuffoso.
    >Il problema è che la loro lettura...
    a questo non credo avrei mai pensato. ma si tratta di millisec, se non sec, no?

    RispondiElimina
  9. va bene. ho capito. a settembre mi sposto. bastava dirlo, ecco.

    RispondiElimina
  10. Comprame un dominio per mettere wordpress allora il prossimo 1° marzo, se non leggermi su splinder.

    P.S. Nemmeno io voglio leggermi su splinder.

    RispondiElimina