8 febbraio 2009

Senza diplomazia

Spero sinceramente che la signora Eluana Englaro muoia il più presto possibile, per lei, e per vanificare l'assalto a qualunque cosa in cui credo che in queste ore viene messo in atto dal Governo.
L'aver incontrato il ministro Sacconi quest'estate a Orbetello, e non avergli ammollato una scarica di calci in culo tale da farlo arrivare all'isola del Giglio senza traghetto, resterà uno dei miei più grossi rimpianti, secondo solo al non aver visto i Nirvana a Roma nel 1994.

9 commenti:

  1. stessa cosa che ho pensato io di roberto maroni, dopo averlo incontrato in spiaggia in liguria a pasquetta del 2008, prima delle elezioni.

    RispondiElimina
  2. Ora, appena incontrerò uno di voi due, ve la darò io una scarica di calci in culo, così imparerete

    RispondiElimina
  3. Mi associo nella speranza. E' insopportabile tutto quello che politici, chiesa e media hanno montato alle spalle di quella famiglia disgraziata...

    RispondiElimina
  4. Ermà, ti servisse una mano alla prima occasione di poter rimediare a codesto errore...non hai che da chiedere!

    RispondiElimina
  5. I miei piedi sono a tua completa disposizione!

    RispondiElimina
  6. ultimamente non se ne può più del telegiornale.. E' così ormai da un'era, ma ieri sera si è raggiunto il delirio. abbiamo fatto l'unica cosa sensata: spegnerla e metter su un cd dei Nirvana. Prevedo altri scassamenti di coglioni nei prossimi giorni, mi tocca rifornirmi di dvd o di serate fuori..

    RispondiElimina
  7. che però non furono un granchè (i nirvana)

    RispondiElimina
  8. Anonimo: questa cosa l'ho sentita dire da tutti all'epoca, ed è l'unica piccola consolazione che mi resta.

    RispondiElimina
  9. a questo punto pare d'obbligo che se vedo berluschi da qualche parte oltre ai miei gli scarico pure i calci che avreste voluto dare ai suoi ministri...

    RispondiElimina