1 aprile 2006

Unlovable

Non ne vale la pena, e lo sai da tanti anni, tanti che io non mi ricordo più l'inizio.
Lei non c'entra, l'avevo tagliata già da un po', e poi lui è irraggiungibile, io non sarò mai così.

C'è bisogno d'amore, sembra strano ma me ne accorgo anch'io, guarda quella mora, ha dei normali jeans, una normale camicia, nienta panza al vento, niente stivali ridicoli, ha la coda di cavallo, e la coda di cavallo è meravigliosa, ed è meravigliosa lei.

Non lo vedi che non mi guarda nessuna?
Non lo vedi che sono l'unico che canta Panic degli Smiths?

Mi è venuta voglia di ubriacarmi, ed era un sacco di tempo che non mi succedeva.
Anche qui, un sacco di tempo, che non mi ricordo più l'ultima volta.

7 commenti:

  1. Una delle tante crisi che ho passato anche io.
    Su, ermà:-°)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Più che crisi, rosicata.
    Dall'ufficio di sabato viene anche meglio.

    RispondiElimina
  3. Esatto, non mi veniva la parola precisa.
    Volevo dire un misto perfetto tra rosicata e crisetta

    RispondiElimina
  4. un bacino carino. su con la vita! (da quale pulpito..)

    RispondiElimina
  5. Erma'. Se hai necessità di rifugiarti nell'alcool (cosa buona e giusta) na mano te la potemo da.

    RispondiElimina
  6. .... beviamoci su Ermà... quando vuoi.

    RispondiElimina