7 ottobre 2006

Io entro nel mondo dei fotogrammi

È la prima volta che vado al Linux Club, che avevo solo sentito nominare, più o meno mi ha invitato questa qui.
Sta a Via Libetta, la strada della capitale con i locali più trendy, modaioli, fighetti (o scegliete voi l'aggettivo più stronzo).

La zona è quella di via Ostiense, il polo ludico romano, e qui fino a poco tempo fa c'erano pure i Mercati Generali.
Ne veniva fuori che questa zona vivesse con un orario invertito rispetto al resto della città, e quando tutti o quasi dormivano, qui si lavorava o ci si divertiva.
Ora i Mercati Generali non ci sono più, spostati a Guidonia a dare il colpo di grazia al traffico della Tiburtina, ma i locali ci sono ancora.

Siccome via Ostiense ha la corsia preferenziale in mezzo, bisogna azzeccare il punto per fare l'inversione.
Vedo una ragazza su un Liberty 125, e per abbigliamento e avvenenza penso che sta andando sicuramente a <locale trendy a caso>, quindi giro dove gira lei.
Invece va dove vado io, anzi ci lavora.

Il Linux Club da fuori ha l'apparenza di un posto de sinistra, ma dentro è abbastanza originale.
Per entrare bisogna fare la tessera, la tessera! Non mi ricordo da quanto tempo non ne facevo una.
Si chiama così proprio per il sistema operativo, che domina l'arredamento un po' da film anni '70.
Tutto intorno alla sala principale scorrono delle mensole con vari PC. Non sono riuscito a capire il dialetto installato, ma c'era l'impronta, quindi il desktop dovrebbe essere Gnome.
I monitor sono l'unica fonte di luce del locale.

Quando arriviamo è in corso un complicato soundcheck, nel quale si distingue quello che ho eletto Fonico dell'Anno 2006.
Quando il cantante dichiara di non sentire la batteria, gli risponde: "e mó m' 'o dici?".
Dopo un numero non trascurabile di tentativi e di improperi, gli -Elettronoir-, che sarebbe il gruppo che sono venuto a sentire, rifiniscono l'abbigliamento e cominciano.

Rispetto al loro CD, che ho pure comprato, dal vivo sono più interessanti.
Serve un po' per abituarsi alle basi elettro che accompagnano il piano, e che non è un accoppiamento comune (non vedevo un piano GEM da secoli).
I pezzi che preferisco vengono benissimo, e ci sono anche alcune canzoni in più che a quanto pare sono di prossima uscita.
Per quanto in Italia sia sport comune cercare chi somiglia a chi, a me non pare che manchino di originalità, malgrado tra il pubblico non la pensino tutti allo stesso modo.
Durante il concerto viene annunciato l'addio della vocalist Grazia, cosa che mi permetterà di bullarmi con gli amici del bar di aver visto l'ultimo concerto degli -Elettronoir- con la vocalist originale, che fa sempre la sua porca figura.

Dettaglio divertente, durante il concerto viene proiettato Brazil di Terry Gilliam, che non di rado mi rapisce lo sguardo.

A proposito, essendo il CD autoprodotto, o lo comprate dal loro sito o ve li andate a vedere, ne hanno un po' con loro.

Alla fine, tra le vittime del tabagismo, mi ritrovo a chiacchierare con il Fonico dell'Anno, con il cantante, con il programmatore/campionatore, con il bassista.
Non mi ricordo di aver mai parlato con una band al completo a fine concerto.
In seguito scopro che le fazioni tipo Mods vs. Rockers ancora esistono, ma oggi non è la musica ascoltata a fare da barriera, ma l'appartenenza a determinati blog/forum (non ridete, giuro).
A quanto sento dire, esiste una terribile congrega detta "Ice Pinkers" che è all'origine di tutti i mali del mondo, comprese cellulite e doppie punte.

Mentre fendo con il Burgman le orde di nottambule assai poco vestite, mi accorgo che sto assai morendo dal freddo.
Un'altra estate è finita, e io sono sempre il solito cazzaro.

5 commenti:

  1. Pagherei per vedere chi, tra gli amici del bar, rimarrebbe lì ad ascoltarti mentre racconti dell'ultimo concerto degli Elettronoir con la vocalist Grazia "l'originale" ;-)

    RispondiElimina
  2. Ovviamente scasserò i maroni nella prossima Hampshire Connection
    ;-)

    RispondiElimina
  3. mawawawa!

    kzissou

    RispondiElimina
  4. io sarei piu` interessato a saperne di piu` del Linux Club che degli Elettronoir ;)

    bye
    G

    RispondiElimina
  5. Un'altra estate è finita, e io sono sempre il solito cazzaro.
    E' sempre bello avere certezze nella vita :-)

    RispondiElimina