8 giugno 2005

Anne

La magia dell'arte è spesso quella di rendere un semplice umano immortale, magari per qualcosa fatto in un intervallo infinitesimale di un'esistenza.

Anna Maria Italiano era il suo vero nome, spot perfetto per l'American Dream, figlia di immigrati dal Bronx diventata star teatrale, cinematografica e televisiva, e senza essere particolarmente bella.

La prima volta che vidi il Laureato (The Graduate), mi sembrava incredibile che un giovane e ricco rampollo di buona famiglia potesse trovare qualcosa in una donna più vecchia di lui, eppure, complice anche una colonna sonora poi storica, funzionava. Infatti adoro quel film.

Lei era già famosa, premiata con l'Oscar per uno dei primi, e all'epoca rari, film sulla disabilità, Anna dei Miracoli (The Miracle Worker).

Toccati in qualche modo da lei, gli sconosciuti Dustin Hoffman, Paul Simon e Art Garfunkel divennero leggende.
A lei rimase una gamba che si infila una calza e il nomignolo di Mrs. Robinson.

In tutto 10 minuti in 73 anni, per non morire più.

1 commento:

  1. Sì :-)
    E comunque, forse non particolarmente bella ma davvero affascinante...
    Brain

    RispondiElimina