2 novembre 2005

Domani l'Iran attacca Israele

Cosa si fa?

8 commenti:

  1. Si prendono le nostre belle truppe e si va in Iran ad occupare e a lanciare missili e bombe, facile no?

    RispondiElimina
  2. Corretto.
    Solo che io dico sul serio.

    RispondiElimina
  3. L'avevo capito.
    Quello che ho detto nel precedente post è quello che farà bush imho.

    Solo che stavolta c'è l'atomica.
    Sono molto pessimista, ma proprio in maniera spropositata stavolta.

    RispondiElimina
  4. Non si sa se c'è.
    Credo che sia un buon motivo per sbrigarsi.

    RispondiElimina
  5. Il dubbio viene. Perchè si sono mossi adesso? Forse che hanno una "sicurezza" in più?

    RispondiElimina
  6. Appunto, gerry.
    Ci sono dei fattori molto più inquietanti rispetto alla guerra in Iraq: antisionismo molto marcato e possibile bomba atomica.
    Uno scenario davvero angosciante.

    RispondiElimina
  7. prendiamoci per mano e diciamo una preghiera.

    RispondiElimina
  8. Dipende se sarà un'attacco convenzionale o nucleare.
    Nel primo caso si svilupperà una situazione tipo Iraq, con risvolti terroristici e di guerriglia forse anche più pesanti.
    Terrorismo internazionale ovunque.
    Nel secondo caso si rischia una guerra nucleare su scala regionale ma dalle conseguenze micidiali e bisognerà valutare la posizione di paesi come Russia e Cina. Cioè la posizione che prenderanno rispetto alle parti in causa.
    Gli Stati Uniti aiuteranno sicuramente in entrambi i casi Israele, spinta dalla comunità Ebrea che in America è di, non vorrei sbagliare, circa 10.000.000 di abitanti.
    L'Europa si paralizzerà politicamente come al solito.
    john

    RispondiElimina